Focus Monumentando: monumenti ristrutturati e pioggia di soldi – ecco le cifre

836 0

NAPOLI – Un progetto iniziato nell’ormai lontano 2014, quando la società pubblicitaria “Uno Outdoor s.r.l” si è aggiudicata l’appalto “Programma Unesco e Valorizzazione Città Storica” e che da quel momento si sta occupando del restauro di ben 27 monumenti storici partenopei. Un progetto pulito, chiaro, i cui numeri sono ben visibili sul sito del comune di Napoli, un progetto che fa bene a tutti: al comune per i guadagni dell’operazione e per i risparmi sul restauro dei monumenti, allo sponsor, che al netto dei costi di operazione guadagnerà ingenti somme dalle pubblicità che ricoprono gli appalti, e soprattutto a cittadini e turisti che potranno camminare a testa alta in giro per la città ammirando in tutto il loro splendore i monumenti cittadini.

LA POLEMICA – Al di là degli introiti , “Monumentando” ha fatto comunque storcere il naso ai più rigidi a causa di quella che forse è la maggiore fonte di guadagno di tutto il progetto: la pubblicità sui monumenti in restauro. Un elemento oramai imprescindibile quello pubblicitario, soprattutto quando ci sono in ballo decine di milioni di euro, inoltre bisogna sottolineare che Napoli non è la prima città in cui avviene questo tipo di partnership tra investitori, comuni, e aziende pubblicitarie, e c’è chi la ritiene addirittura un’iniziativa basilare per salvare i monumenti.

I NUMERI – Ogni monumento presenta tempi di restauro e costi diversi, così come anche il costo per le affissioni pubblicitarie varia a seconda del monumento. Il totale dei costi previsti si aggira intorno ad un cifra simile a 3.500.000 euro, rispetto ad un entrata stimata sui 13.000.000 euro. Numeri da capogiro che rappresentano puro ossigeno per il comune e il futuro dei monumenti che rappresentano la cartolina culturale della città. La miniera d’oro del progetto “Monumentando” è però rappresentata da due cantieri che ancora non sono stati aperti, quello del Virgiliano e quello del Maschio Angioino, per i quali i guadagni ammontano rispettivamente a 250 mila e 200 mila euro al mese per le affissioni pubblicitarie.

LA PARTE PIU’ BELLA – Se fin qui si è parlato di restauri e incassi a breve termine, non si è ancora fatto cenno alla parte più intrigante e utile dell’accordo stipulato tra il comune e la “Uno Outdoor” : dalla fine dei lavori ci sarà una sorta di garanzia lunga ben dodici anni nel corso dei quali, a scadenze fisse, l’azienda pubblicitaria dovrà impegnarsi a nuove iniziative di restauro che potranno, comunque, portare nuovi introiti sempre sulla base delle affissioni pubblicitarie. Inoltre l’accordo prevede anche l’impegno da parte della Uno Outdoor a sostenere interventi di manutenzione straordinaria, il che vuol dire che nel caso in cui uno dei 27 monumenti facenti parte del contratto andasse incontro ad atti vandalici o ad altri danni fortuiti l’azienda dovrà adempiere a spese proprie agli interventi di manutenzione straordinaria. Insomma, un futuro roseo per i monumenti partenopei, e anche per le casse del comune che avrà però il compito di convincere anche i più scettici riguardo la questione pubblicità, che sembra però essere una questione di minima rilevanza rispetto ai vantaggi del progetto “Monumentando”.

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.