Pozzuoli, Tempio di Nettuno: ancora e di nuovo nel degrado

674 0

Piante selvatiche, lampioni rotti e graffiti ovunque. I ruderi delle antiche terme a rischio degrado

 

Superata la curva dell’Anfiteatro Flavio in direzione Pozzuoli comincia la sfilata delle affascinanti rovine archeologiche a cielo aperto che caratterizzano via Terracciano. La prima in ordine di apparizione è il cosiddetto Tempio di Nettuno, nome comune ma improprio attribuito a ciò che resta di un’antica struttura termale risalente al I sec. a.C.

 

Se pur interessata in passato da interventi di pulizia, il suo attuale stato di conservazione (giugno 2013) è nuovamente preoccupante. La grande abside del frigidarium che prospetta sulla strada è assalita da piante selvatiche spontanee di consistenti dimensioni, che soprattutto sulla parte superiore stanno invadendo l’opus reticulatum e i listelli di laterizio con le loro radici.

 

Nell’antichità il complesso degradava su terrazze a livello fino alla quota del mare ed oggi è possibile osservare parte di questa struttura retrostante, sbirciando dal cancello di un podere nelle vicinanze (per altro “in vendesi”). Ma lo spettacolo non è assolutamente confortante perché l’incolta vegetazione ha assunto i tratti di una vera foresta che sta avvolgendo inesorabilmente l’antica pietra.

E se qualcuno (magari un turista) desiderasse leggere qualche notizia di più sul sito archeologico “in diretta”, è impossibile: l’infopoint collocato è vuoto, manca il pannello centrale, si va di immaginazione (o di studio a casa).

 

Non meno piacevole è il decoro in cui si trova l’area dei giardinetti pubblici. Cocci di vetro, bottiglie in frantumi, spazzatura e cartoni rendono sgradevole oltre che pericolosa la sosta. Le panchine dell’emiciclo, oltre ad essere imbrattate di scritte graffitarie, perdono pezzi di rivestimento di marmo, mettendo a nudo la muratura di sostegno sottostante. La manutenzione verde delle aiuole sembra mancare da tempo poiché l’erba è cresciuta oltre livello, coprendo i viali di camminamento. Due lampioni presentano vetri rotti e lampadine interne sconnesse, mentre del terzo rimane solo il palo, nessuna traccia della cassa di illuminazione.

 

 

Giovanni Postiglione ©

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.