Parla il boss pentito: “le ragazze ci servivano per soldi e droga” – ecco come

2330 0

Parlano Pasquale Pesce e Vincenzo Romano, ex esponenti della camorra della periferia occidentale, raccontano fatti inediti su omicidi e agguati consumati negli ultimi anni in uno spaccato metropolitano che vanta un record poco invidiabile: è la zona dove si è registrato il più alto numero di «stese», di sventagliate di proiettili in modo indiscriminato contro case e saracinesche, edifici e panchine, modi violenti per rimarcare la propria sovranità su un pezzo di territorio – notizia riportata sul Mattino –  E sono loro, i nuovi pentiti a riconoscere due fotoriproduzioni, le numero 15 e 19, che offrono agli inquirenti il volto di due belle ragazze, giovani, ben pettinate, truccate con un make up appena evidente: «Servivano per trasferire informazioni, nel giro di contatti necessario per far girare ordini, soldi e droga». E, perfettamente in linea con quanto è avvenuto in questi anni nel centro storico, con l’avvento delle paranze dei bimbi, anche la camorra di Pianura ha avvertito l’esigenza di un ricambio generazionale. Spiega il pentito Salvatore Romano, per ricostruire l’organigramma della propria cosca di appartenenza: «Salvatore Marfella comanda la paranza dei più giovani, mentre Pasquale Pesce i meno giovani». Mele, Marfella, Pesce: nomi e strategie diverse per ricostruire una saga criminale costellata da decine di omicidi solo negli ultimi anni.

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.