‘A ZENGARELLA

596 0

A cchiù ‘e nu juorno d’ ‘o bbalcone

vedevo na zengarella a nnu puntone.

Na matina scenno e mm’accosto vicino

mettenno ‘a mano dint’ ‘o bburzellino.

‘A zengarella me guarda e mme dice:

-Astipate ‘sti solde, ca Ddio te bbenedice.

Io t’aspettavo pecchè Chi me manna

vo’ fa sape’ ca se pripara na cundanna.

Tu ca tiene ancora nu poco ‘e core

ssi’ ll’unico ca po’ ccapi’ tutto ‘o dulore.

‘O Pataterno, ca vulesse sulo ‘a pace,

vedenno Napule nguaiata sse dispiace.

Ddio ha fatto ‘sta città cu tant’ ammore

accunciannola cu ppacienza e ccu sudore.

Ce ha miso ‘o Vommero, Capemonte,

Pusilleco, Mergellina e ‘o sole nfronte.

Ll’ ha dato ‘o tiempo bbuono, bellu mare

e ‘a luna ca se cunfonne cu ‘e llampare.

Ce ha fatto nascere tanta bbella ggente,

musica, canzone, alleria e ssentimento.

Ma ‘sta città affoga int’ ‘a munnezza

e sta perdenno ll’ammore e ll’allerezza.

Tutto pecchè essa è mmale guvernata

e ttanta malagente ‘a téne ncatenata.

Chillo nun ce ‘a fa a vvede’ Napule accussì.

E ppe nun continua’ a chiagnere e ssuffri’

‘a vo’ distruggere sotto a n’ eruzzione!-

E dicenno “Fujte!” sparette bell’ e bbuono.

 

Fausto Marseglia 

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.