Villa Floridiana: un “picnic day” ma le aree sono inaccessibili – LE FOTO

461 0

NAPOLI – Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, fondatore su Facebook del gruppo “Riappropriamoci della Villa Floridiana”  torna alla carica in occasione della manifestazione “Picnic Day Estathè” per denunciare ancora una volta la grave situazione che permane da anni nell’unico grande spazio a verde pubblico a disposizione degli abitanti della collina.

LA SITUAZIONE – «Dal marzo 2011 da quando cioè la caduta di un eucalipto nello storico giardino ha reso off limits, a fasi alterne, l’ingresso ai visitatori – puntualizza Capodanno -, buona parte dei circa 60.000 mq della villa che, nella zona bassa, si affaccia su un belvedere dal quale si ammira uno dei più spettacolari panorami della città, è interdetta al pubblico».
«Sono dunque più di tre anni che, nonostante siano scesi in campo sia la Sovrintendenza che la Regione Campania ed il Comune di Napoli, non si riesce a mettere in atto tutti gli interventi per la sicurezza, necessari per garantire la fruibilità dell’intero parco – continua Capodanno -.Il risultato, nonostante le diverse chiuse totali o parziali che hanno costellato questo periodo, è che allo stato, a parte il viale d’accesso da via Cimarosa, lo spazio antistante il museo Duca di Martina, il prato grande e un vialetto dal quale si può accedere ad una parte del belvedere, il resto delle aree restano recintate ed inaccessibili né è dato sapere la data esatta nella quale finalmente la villa sarà completamente fruibile, come lo era sino a prima della caduta dell’albero».

PICNIC DAY – «In occasione del “Picnic Day” si è avuta l’ennesima dimostrazione delle ricadute negative di questo stato di cose – afferma Capodanno -. Difatti a fronte di migliaia di persone che hanno aderito all’iniziativa, lo spazio a disposizione, costituito praticamente dalla sola aiuola centrale, si è rivelato insufficiente al punto che, dopo aver fatto la fila per ritirare il cestino, si doveva poi fare un’altra fila in attesa che si liberasse qualche metro quadrato per poter stendere la propria tovaglietta e, accalcati l’uno sull’altro, gustarsi quello che sulla carta doveva essere un picnic ma che si è trasformato in un carnaio, assiepati gli uni sugli altri».
“ Certo dal momento che tutto era offerto gratuitamente le lamentele sono apparse contenute – prosegue Capodanno -, ma resta il dato che una manifestazione del genere, con tante persone che hanno deciso di accogliere l’invito, avrebbe potuto svilupparsi ben diversamente e con maggior soddisfazione dei partecipanti se, al posto di poche migliaia di metri quadrati, a disposizione vi fosse stato l’intero parco, con più punti di distribuzione, senza file ed attese snervanti».

 

©riproduzione riservata

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.