NAPOLI/ Imponevano il “pizzo” nel centro storico: scacco al clan Martinelli-Porcino

746 0

direzione-investigativa-antimafia-2NAPOLI –  Quattro fermi sono stati eseguiti nei confronti di affiliati al neonato clan Martinelli-Porcino che secondo le indagini della Dda avrebbero imposto con minacce e intimidazioni il pizzo a commercianti e ambulanti del centro storico. Tra gli indagati nell’inchiesta figura anche Gennaro Fittipaldi, il 23enne assassinato lunedì mattina in zona universitaria. I fermati sono Vincenzo Martinelli, 49 anni e i due figli Rosario e Salvatore, rispettivamente 25 e 24 anni, e Mariano Porcino, 25enne.

L’INDAGINE DEI CARABINIERI – Coordinata dal pm Michele Del Prete ha subito una inevitabile accelerazione dopo l’omicidio di Fittipaldi, che da quanto emerge avrebbe fatto parte di questo gruppo emergente criminale. Tra gli episodi contestati, il raid armato del 15 aprile scorso in via Sedile di Porto, sempre in zona Universitaria, commesso ai danni di un venditore ambulante che si era rifutato di pagare il pizzo.

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.