TEATRO/ Al Diana Gullotta, Accorsi, Favino: ricco calendario – LE FOTO

831 0

di Violetta Luongo
NAPOLI –
Dopo una stagione che ha registrato il record di 142mila spettatori ponendo il Diana tra i primi teatri in Italia, si prospetta una nuova stagione ancora più ricca della precedente. Successi che hanno decretato l’entrata del teatro del Vomero tra i centri di produzione italiani.

TEATRO DA RECORD – Tantissimi i protagonisti e gli spettacoli nel calendario della 36esima stagione di prosa, che si inaugura in una platea completamente rinnovata a cui, quest’anno, andrà ad aggiungersi il restyling dei camerini e delle poltroncine. Si parte il 14 ottobre con Ficarra e Picone con “Apriti cielo”, una riflessione divertente e ironica sulla nostra società e sulla nostra nazione.

SI PARTE AD OTTOBRE – Il 28 ottobre torna a solcare il palco del Diana il re del trasformismo Arturo Brachetti in uno show che mescola magia e illusionismo contemporaneo, dopo i successi in Canada e Francia lo showman torna a Napoli con “Brachetti che sorpresa!”.
L’11 novembre sarà la volta del testo di Arthur Miller “Il Prezzo”, una lucida e amara riflessione della crisi economica che colpì gli Stati Uniti dal famoso crollo di Wall Street del ’29. Sul palco Umberto Orsini e Massimo Popolizio.
Il 25 novembre un grande ritorno con Leo Gullotta che porterà in scena “Spirito Allegro” scritto da Noel Coward, prodotto dai patron del Diana, i Mirra. «Dati i tempi pesanti avere “spirito allegro” è importante – dice durante la presentazione della nuova stagione Leo Gullotta – sono onorato di recitare in una commedia inglese, in due tempi, messo in scena tantissime volte ora rappresentato in America da una grande Angela Lesbury, una bella sfida che mi entusiasma». Uno spettacolo classico scritto in piena Seconda Guerra Mondiale, nel 1940 di cui conserva l’ambientazione adattata ad una modernità grazie anche a scenografie e video-mapping in tridimensioni, usate per la prima volta in prosa. «Dopo 10 anni di lavori prodotti dall’Eliseo di Roma – aggiunge il regista Fabio Grossi – siamo felici che i Mirra abbiano voluto produrre il nostro spettacolo. Una commedia che quando andò in scena a Londra subì critiche feroci per il modo di trattare il tema della morte con allegria, ma fu replicato 1997 volte».

Paolo Sassanelli a Napoli
Paolo Sassanelli a Napoli

BUCCIROSSO E FAVINO – Il 21 dicembre al Diana ci sarà Carlo Buccirosso con il suo nuovo testo “Il divorzio dei compromessi sposi”. Il 2016 inizia il 13 gennaio con “Servo per due” con un grande Pierfrancesco Favino. Prendendo spunto da Goldoni nell’adattamento dell’inglese Richard Bean, gli attori si muoveranno come acrobati sul palco, cadendo da scale, sbattendo le porte, battute a doppio senso e interazione col pubblico, le armi vincenti. «Questa commedia ha avuto grande successo al Nord, per noi Napoli è un banco di prova importantissimo, ancora di più lo è qui al Diana», dice il regista Paolo Sassanelli.

LA LETTERATURA ITALIANA CON ACCORSI – Il 27 gennaio quattro interpreti: Fabrizio Bentivoglio, Maria Pia Calzone, Isabella Ragonese e Sergio Rubini in “Provando…dobbiamo parlare” della regia dello stesso Rubini. Due coppie in crisi tra equivoci e scambi di persona, come nelle tipiche “commedie dell’arte”. Il 10 febbraio Stefano Accorsi è il protagonista di un classico della letteratura italiana “Il Decamerone” di Boccaccio, progetto triennale del regista Marco Baliani, dopo “L’Orlando Furioso” e, a seguire, il “Principe di Macchiavelli”. Un’ora e 50 di spettacolo in cui si ride con attori che parlano nella lingua del Decamerone. Il 24 febbraio Claudia Gerini, dopo anni, torna a teatro con “Storie di Claudia”, musica, danza e recitazione fuse insieme per raccontare tracce biografiche di Claudia, con la regia di Giampiero Solari.

SI CHIUDE CON PAPALEO – Il 9 marzo Massimo Ranieri con “Sogno o son desto 3” in un viaggio emozionale, spettacolare e musicale dell’artista nazionale. Si chiude il 30 marzo con Rocco Papaleo, accompagnato da Giovanni Esposito, sarà uno spettacolo frutto del suo ultimo film “Buenda Onda” o “Onda su onda” le cui riprese partono a luglio, scene girate su una nave in viaggio tra l’Italia e il Brasile, lavoro in divenire, da cui sarà tratto lo spettacolo teatrale.

 

FOTO di Vincenzo Vinciguerra

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.