Società “apri e chiudi” e “teste di legno”:danni al Fisco per 69 milioni di Euro

422 0

NAPOLI – Questa mattina i militari della Guardia di finanza di Massa Lubrense hanno eseguito cinque ordinanze di misura cautelare,emesse dal GIP del Tribunale di Napoli, per evasione fiscale insieme a dodici per associazione a delinquere.Gli imprenditori costituivano società che operava nel campo d’impiantistica idraulica e metalmeccanica,amministrate da “teste di legno”: dopo aver emesso e utilizzato le fatture false.trasferivano fittiziamente le sedi intestando le attività a nullatenenti ovvero a cittadini stranieri,per sottrarsi alle obbligazioni tributarie.Nel breve ciclo di vita alcune delle dieci imprese “apri e chiudi” coinvolte nel sistema di frode hanno ottenuto commesse per svariati milioni di Euro attraverso appalti e sub-appalti da aziende di rilievo nazionale. Infatti, i debiti maturati dalle società nei confronti della previdenza tributaria sono stati  “azzerati” con finte partite iva e fatture false.Nonostante gli aiuti le imprese non hanno versato nè imposte nè contributi all’INPS e all’INAIL. L’importo delle false fatture emesse e utilizzate è risultato pari circa a 69 milioni di Euro,cui corrisponde un importo complessivo di imposta evasa di oltre 16 milioni di euro.

©riproduzione riservata

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.