L’ANGOLO DELLA POESIA/ A’ Chiesa e Santa Chiara, da Masaniello ai bombardamenti – IL VIDEO

929 0

[vivotv]m90VlxrTGfE[/vivotv]

 di Fausto Marseglia

NAPOLI – Lasciata piazza del Gesù non facciamo a tempo a metabolizzare le emozioni provate che già ne siamo presi da altre. Fatti appena pochi passi immediatamente ci troviamo immersi in un contesto d’altri tempi. Di fronte all’ingresso dell’Istituto “Pimentel Fonseca” si apre il varco al piazzale della chiesa di S. Chiara, con un aggetto sul muro di confine in più strati di piperno trecentesco che gli conferiscono un aspetto austero e al tempo stesso protettivo. Attraverso questo varco entriamo nel cortile della chiesa e ci sentiamo calati in un’atmosfera particolare.

ee
La chiesa di Santachiara

ATMOSFERA PARTICOLARE – Di fronte c’è la chiesa con la sua facciata imponente in piperno grigio e tufo bianco, col suo ampio e ricamato rosone, con le sue alte mura, con la sua architettura mistica e suggestiva. Questa chiesa in stile gotico-provenzale fu voluta da Roberto d’Angiò e sua moglie Sancia. L’ingresso è preceduto da un pronao con tre navate ogivali, di cui quella centrale inquadra il bel portale incorniciato in marmi rossi e gialli con lo stemma dei Sancia. L’interno della chiesa è tutto slanciato verso l’alto quasi in un anelito al cielo. La navata unica è altissima e contribuisce a dare quel senso mistico che si respira in questo posto. Un tempo c’erano preziose opere del Masaccio e di Giotto, poi andate perdute. Le piccole cappelle laterali, con monumentali tombe di nobili ed aristocratici illuminate da bifore a sinistra e da trifore a destra, sono sormontate da due tribune su cui si affacciano altissime monofore.

PROSEGUENDO – Nell’ultima cappella a destra ci sono le tombe dei Borboni. Sul presbiterio c’è la tomba di Roberto d’Angiò, il più grande monumento funebre del medio-evo realizzato da Giovanni e Pacio Bertini. Tra il 1742 e il 1769 l’aspetto originario della chiesa fu trasformato da Antonio Vaccaro con rivestimenti e ornamenti barocchi, conservati fino al 1943, quando un incendio causato da un bombardamento distrusse ogni cosa. Poi con un restauro durato dieci anni, come ricorda una lapide sul pronao, si ripristinarono le originarie forme gotiche. Dal cortile si può scorgere anche il campanile, simpaticamente chiamato dai napoletani Torrione. È costituito da una possente base di marmo, da un toro con iscrizioni in lettere gotico-provenzali, da un primo piano in stile toscano (stile gotico con aggiunte di metope e triglifi), con quattro immensi finestroni e da successive strutture di ordine dorico e ionico.

OCCUPATO DAI RIVOLTOSI – Nel ‘600 fu la roccaforte degli spagnoli contro i rivoluzionari di Masaniello. Nel 1701 fu occupato dai rivoltosi napoletani della Macchia contro il dominio spagnolo. Nel XVI secolo l’ultimo piano con la torre campanaria era raggiungibile con una scala a chiocciola, andata giù coi bombardamenti del 1943. Sempre dal cortile, fiancheggiando il lato esterno della chiesa, pur bello da vedere per le altissime finestre e per lo spettacolare scalone a due rampe che porta all’ingresso secondario, si accede al chiostro delle clarisse decorato con piastrelle dipinte a mano dai “riggiolari” napoletani. E da qui è possibile visitare anche gli scavi che hanno portato alla luce importanti reperti archeologici e terme di epoca romana. Proseguiamo ed arriviamo all’incrocio con via S. Sebastiano, al cui angolo si nota la chiesa di S. Marta, e via Pallonetto a S. Chiara. Ma superiamo l’incrocio lungo la direttiva del decumano inferiore che qui diventa via B. Croce, ex via Trinità Maggiore.

 

‘A CHIESA ‘E S. CHIARA

Si appena l’häìve ‘ntravista d’ ‘o Giesù

‘a vicino t’emoziona ancora ‘e cchiù.

Già si trase d’ ‘o sagrato ‘e piperno

te pare ‘e sta ‘nt’ ‘o paraviso eterno.

 

Dint’ ‘o curtile d’ ‘a chiesia ‘e S.Chiara

vedenno ‘a facciata ncopp’ ‘e ggrare

ca s’ ajza nfin’ ‘o cielo àveta e snella

siènte ll’ ānema addeventà’ cchiù bella.

 

Si guarde piperno e tufo nzieme mise

siente ‘o core zump’ dint’ ‘a cammisa.

Po’ guarde ‘o ricamo fine d’ ‘o rusone

e siente ancora cchiù forte l’emozione.

 

Ncopp’ ‘e ggrare ce stanno tre archi

e pienze c’ ‘a chiesa tëne tre varchi.

Ma è sulo na loggia cu portici ogivali

comme s’ ausava in stile provenzale.

 

E sulamente dint’ a chillu centrale

ce truove nu bellu artistico portale

‘e marme russe e gialle ‘ncurniciato

e ‘o stemma d’ ‘e Sancia ‘ncastunato.

 

Si trase dint’ ‘a chiesa vide ‘ncantato

mure grigie e fenestune àvete aizate.

Te siente piccerillo ‘nfront’ ‘e mmura

ca quase ‘e te truvà’ lla tiène paura.

 

Na navata sola cu cappelle ‘e lato

e sepolcri antichi ‘e nobili e prelati

cu bifore e trifore slanciate pe fa’ luce

verso l’altare maggiore te conduce.

 

Na tribuna scorre ‘ncopp’ ‘e cappelle

ca pare na longa stretta luggetella.

e āti fenestune c’ arrivano ‘o tetto

ce fanno trasì’ āta luce p’ arricietto.

Nu monumento ncopp’ ‘o presbiterio

cu nu loculo sculpito austero e serio

è ‘a tomba e Roberto d’Angiò regnante

misa lla pe se fa notà’ a tutte quante.

 

‘O Vaccaro ‘a mmità d’ ‘o setteciento

vulette fa’ ‘a chiesia d’oro e argiento

p’ ‘a fa’ ‘e moda barocca addeventà’.

Però na bomba ‘a facette scarrupà’.

 

E pe diece anne l’havettero restaurà’

ma n’ āta vota gotica ‘a facettero turnà’.

Na lapide ‘nfaccia ‘o muro ce ‘o rricorda

pe mantenè’ memoria a chi s’ ‘o scorda.

 

Ma turnanno ‘nt’ ‘o curtile ce puo’ vedè’

nu campanaro pussente nfront’ ‘a tte.

‘O chiammano ‘o turrione e tène na base

ca è grossa quanto e cchiù ‘e na casa.

 

Ce truove frase scritte a lettere provenzale

e n’architettura rara ca ‘un ce sta eguale.

Quatto feneste ‘ncopp’ ‘o primmo piano

stanno int’ ‘a facciata in stile toscano.

 

E a ll’ āti piani strutture ‘e stile diverse

cu scaline ca int’ ‘a guerra se sso pperze.

Cca se ‘mpertusajeno spagnuole e rivultuse

ca vulevano libberà Napule ‘a ll’intruso.

 

Si gire attuorno ‘a chiesa p’ ‘o curtile

vide proprio ‘e faccia a ‘o campanile

l’ entrata p’ ‘o chiostro cu ‘e riggiole

decorate ‘a ll’artiste d’ ‘o paese d’ ‘o sole.

 

E sotto ‘o munastero truove ‘e scave

d’ ‘e terme romane scarfate d’ ‘e schiave.

Ce truove storia e religione a chistu posto

ca smove ‘o core pure ‘e n’ ateo tuosto.

 

 

 

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.