Galleria Umberto I: si stacca un pezzo dalle decorazioni esterne. La rabbia della gente – LE FOTO

497 0

NAPOLI– Un pezzo del rivestimento esterno del colonnato della Galleria Umberto, nel lato che si affaccia su via San Carlo, si è staccato ieri. Nonostante il notevole passaggio di persone non ci sono feriti ne danni a cose.

IL CROLLO– Sul posto sono prontamente intervenuti i vigili del fuoco, che hanno messo in sicurezza l’area, picconando il materiale residuo. Una pattuglia dei vigili urbani ha successivamente transennato la zona del crollo, in attesa dell’arrivo degli uomini della soprintendenza a cui sono stati affidati i pezzi della decorazione che ha ceduto.

LA GALLERIA– Lo stato di conservazione della galleria comincia a risentire dello scorrere degli anni. Sono all’ordine del giorno piccoli crolli di materiale, generalmente si tratta di pochi frammenti che passano inosservati ai più. Nel 2010 un importante crollo ha riguardato l’entrata su via Toledo: un grosso blocco derivante dall’aquila che decora l’entrata è venuto giù senza ferire alcun passante, procurando solo danni alle autovetture in sosta. L’ultimo restauro della galleria è datato 2010, ma in quel caso gli interventi riguardarono solo i mosaici dell’interno. E’ altamente improbabile, vista la disastrosa situazione delle casse comunali, un intervento di ripristino a breve delle parti esterne danneggiate.

LA RABBIA DEI COMMERCIANTI– I porticati della galleria sono diventati ricovero notturno di numerosi senza tetto. I commercianti si sentono abbandonati dalle istituzioni. La puzza di feci e urine è in certi giorni insopportabile e costringe quotidianamente i  titolari delle attività a una lotta contro il tempo per cercare di  tenere aperti i propri negozi. «Io apro il bar ogni mattina alle sette – dichiara Luciano, gestore del Bar Vittoria – ma sono costretto a venire qui alle cinque, perché ogni mattina devo allontanare tutte le persone che dormono sotto i porticati. Il comune non vuole intervenire in questa questione. Quando ho segnalato la presenza dei barboni che sporcano dappertutto, rendendomi impossibile lavorare, l’unica risposta che mi è stata data è quella di aprire più tardi. Assurdo se si pensa che queste persone prima delle otto non vanno via, e io alle sette dovrei cominciare a lavorare con le colazioni.  Ho segnalato – continua il titolare del Vittoria – all’Asia la situazione della sporcizia, ma sembrano volersene lavare le mani. Nessuno interviene qui e allora siamo costretti a spazzare e ripulire tutto ogni mattina se vogliamo evitare che i clienti stiano lontani a causa della troppa puzza. E’ inconcepibile visto che io pago 5000 euro al mese per l’affitto del mio locale. Io non parlo molto bene l’inglese, ma molti turisti mi fanno capire anche a gesti di servirli alla svelta perché vogliono andare via a causa della troppa puzza che c’è in alcuni giorni».

Antonio Folle 

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.