TRA SACRO E PROFANO, ARTE LIBERA MESSA IN GABBIA …

715 0

13410779_10209327672859761_1029781360_o

di Simone Porpora

NAPOLI – Quando la paura di perdere qualcosa di prezioso supera la natura dell’arte di strada succede che viene intrappolata. Lo sanno bene Bansky e la sua “Madonna con pistola”, unica opera italiana del più famoso street artist al mondo, Bansky appunto. L’opera che ritrae la Santa Vergine con una pistola al posto della tipica aureola si trova su un muro dissestato tra i vicoli del centro storico partenopeo in Piazza Girolamini.13441563_10209327672979764_1237118642_o

13445869_10209327673059766_862879000_oLA GABBIA – Tra sacro e profano, dunque, l’opera dell’artista inglese che ha scelto Napoli come sua unica “tela” nel “Bel Paese”. Tra sacro e profano anche quello che hanno fatto alcuni cittadini del posto, i quali, mossi senza dalla paura e dall’orgoglio di avere un Bansky fuori le porte di casa, hanno intrappolato l’opera in una teca per salvaguardarla dal tempo, dai fenomeni atmosferici o da eventuali atti vandalici. Un gesto preventivo e davvero intelligente, se non fosse però che viola i valori di libertà della cultura di strada, quella dei “writers”, che si stanno rivoltando sui social, mostrando di non aver apprezzato il gesto. Un’opera di strada è sinonimo di libertà, dicono, e non può essere messa in gabbia.

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.