Wim Wenders e l’anima dei Luoghi

606 0

I luoghi sono spesso fonte di ispirazione per gli artisti, dall’alba dei tempi, luoghi che già nella loro oggettività appaiono meravigliosi, oppure luoghi dalle sembianze solitarie, non immediatamente incantevoli eppure soggetti favoriti, perché i luoghi hanno un’anima. Quando il tempo muta la bellezza in desolazione resta la forza evocativa di quei ‘paradisi perduti’ e la sensibilità di chi sa cogliere quell’anima.

Una fotografia di grosso formato che ritrae una ruota panoramica dimenticata, visivamente vittima dell’incuria del tempo, che si staglia in un triste orizzonte dell’Armenia, ma che suggerisce piuttosto “musica da fiera, e voci, risate e grida, come se il mondo non esistesse ” facendo perdere il senso del tempo esteriore ed introducendo in quel tempo interiore fatto di memoria, un luogo dell’anima, invisibile, eppure ‘visibile’, introduce nel percorso espositivo titolato ‘Appunti di Viaggio. Armenia Giappone Germania’, un percorso fotografico in luoghi che non ci sono più perché dimenticati dalla virtualità dell’epoca contemporanea, dall’utilizzo delle nuove tecnologie digitali, dalla crudeltà della storia, ma che Wim Wenders coglie, fotografa e propone nella mostra fruibile fino al 17 novembre nelle splendide sale di Villa Pignatelli – La Casa della Fotografia, importante luogo di divulgazione della fotografia contemporanea, che ha strappato 423 biglietti giovedì 24 ottobre, visitatori accorsi in occasione della presenza dell’artista.

Alcuni dei luoghi che ho fotografato stanno per scomparire, forse sono già scomparsi dalla faccia della terra. Il loro ricordo dovrà aggrapparsi alle immagini che abbiamo di essi”. Regista noto immediatamente al grande pubblico come esponente di spicco del Nuovo Cinema Tedesco, ma artista completo che si esprime in diversi linguaggi come quello dell’arte fotografica, Wim Wenders nel corso del tempo ha difatti realizzato un’infinità di scatti mettendo la sua capacità di ‘vedere’, ‘capire’, ‘sentire’, non solo nei suoi film, che gli hanno valso riconoscimenti e successo internazionale, ma anche dietro ad una macchina fotografica. Per lui la fotografia “…è uno strumento capace di tener vivo il ricordo, salvaguardando ciò che fissa come immagine da una incombente e spesso inevitabile dissoluzione fisica. Il valore del paesaggio nella fotografia di Wenders non sta nel luogo in sé (…), quello che potrebbe sembrare il ‘niente’ diventa il posto che più di qualsiasi altro offre l’opportunità di rivelare il senso e il valore dell’esistere”, racconta Denise Maria Pagano, Direttore della sede espositiva, proprio come accade per quei frammenti di realtà dell’Armenia, della Germania, del Giappone che Wenders immortala, anzi, rievoca nelle sue fotografie, una ventina di scatti di diverso formato accompagnate da un testo scritto dal sapore poetico che l’autore associa a ciascuna fotografia, perché quelle immagini siano occasione per il visitatore: da un lato per entrare in contatto ognuno con i manifesti della propria interiorità perché “…dalla mia lunga esperienza nel cercare i luoghi ho imparato che si tende a trovare esattamente ciò che si desidera trovare. Altre persone trovano cose incredibili, ovviamente, ma sembrano raggiungere risultati diversi rispetto ai miei. Hanno mentalità diverse, prima di tutto, e sono alla ricerca di altro”, scrive l’artista; e dall’altro, grazie agli appunti esplicativi dell’autore, perché si possa rendere comprensibile nello specifico il senso che per l’artista ha quel documento visivo, ed introducono così l’osservatore nell’intimo del pensiero di Wenders al momento dello scatto.

Nelle fotografie in mostra i protagonisti sono i luoghi, mentre le persone sono assolutamente assenti. Contesti urbani, illimitati paesaggi naturali, privi della figura umana, eppure l’uomo c’è, l’uomo è il segno che ogni luogo ha e che, proprio come fa il tempo, gli ha reso quell’aspetto che è diventato.

Ed allora prima di assistere al Deterioramento inevitabile, forse Wenders ad un certo punto, fotografando delle case cieche, senza finestre, immortala e appunta un Valore, qualcosa che non ha a che fare con il ‘Dopo’, chiaramente visibile nei suoi scatti, ma è il valore del ‘Prima’ e del ‘Durante’, quello che ‘ora’ è invisibile, perchè ‘dopo’ è assenza che è l’unico elemento che Wenders ha sempre ben presente, e che le sue fotografie vogliono rendere visibile… “A volte l’assenza di una cosa ne sottolinea la sua importanza. Soprattutto se si tratta di qualcosa che noi diamo per scontato. Come le Finestre …”.

Flavia Tartaglia

Fotografie di Fabiana Roatti

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.