Rifiuti Qualiano: multe agli sversamenti, ma i verdi dicono no all’inceneritore

525 0

Sono partite le prime pene amministrative per gli sversamenti e l’abbandono di rifiuti nelle strade del Comune. Già cospicuo è infatti il numero di persone colte in flagranza di sversamenti e abbandoni, addirittura muniti di grossi camion ricolmi di materiali di risulta e di rifiuti di vario genere. Stavolta l’impegno del Comune pare essere più deciso nel combattere questa barbarie, pur lasciando la gestione del raccoglimento, conferimento ai siti autorizzato e al mantenimento dell’igiene cittadino alla Qualiano Multiservizi, società già al centro di polemiche e varie forme di disservizi. Per le segnalazioni degli sversamenti irregolari, adeguandosi al protocollo firmato per la «Terra dei Fuochi», è possibile rivolgersi all’indirizzo mail: mettiamoci_al_lavoro@libero.it. Apprezzabile quindi il tentativo anche se questo nuovo approccio dovrà essere valutato sulle lunghe distanze, senza dimenticare l’emergenza fondamentale che questi territori vivono: le bonifiche. Pulire le strade è senza dubbio un grande passo avanti, ma bisogna studiare e rilevare quali danni hanno sortito all’ambiente trent’anni di sversamenti di ogni genere, in una terra dove il fenomeno della porosità sociale delle organizzazioni criminali si fa marcata; una delle ultime grandi opere della zona è la bretella dell’asse mediano, Nola-Villa Literno, costruita dai Casalesi. La prossima grande opera che queste zone potrebbero accogliere risulta invece l’inceneritore di Giugliano, finito al centro di grandi polemiche anche del Partito dei Verdi di Qualiano. Pare infatti assurdo per i movimenti anti-inceneritore dare avvio ai lavori in una zona in cui la raccolta differenziata raggiunge valori molto bassi, dove si manifesta una scarsa educazione civica di alcuni cittadini su temi ambientali, dove occorre addirittura multare quegli stessi cittadini perché non sversino i rifiuti sui bordi delle strade, ma soprattutto dove lo stato di emergenza su tali temi è diventato una prassi a dir poco sconveniente. Questa scelta apparirebbe altrettanto discutibile alla luce della nuova politica ambientale europea, che sta rivalutando la teoria dell’incenerimento (che ad Acerra non rispetta minimamente le norme ecologiche). Proprio in questa direzione importanti rappresentanti del Partito dei Verdi qualianese ha manifestato la propria opposizione a questi progetti; i cittadini nel frattempo sperino che le strade restino definitivamente pulite.

Marco Coppola

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.