Reato di omicidio stradale: si mobilitano in favore le associazioni dei familiari delle vittime della strada

346 0
download (1)
Il Ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri

NAPOLI- L’annuncio dato in questo giorni dal ministro Cancellieri è di quelli che potrebbero fare epoca. E’ infatti in via di discussione al parlamento una proposta di legge che potrebbe introdurre il reato di omicidio stradale per chi guida in stato di ebbrezza o sotto l’uso di sostanze stupefacenti. Soddisfatte le associazioni di categoria.

UN LENTO STILLICIDIO- Sono migliaia ogni anno gli incidenti stradali sulle strade di Napoli e di tutta Italia. Gli ultimi due episodi hanno visto la morte di un uomo di 57 anni nella notte di San Silvestro e di un giovane deceduto in sella al suo scooter a seguito di un impatto con un autovettura nei pressi di Villaricca. Una lunga scia di sangue che ogni anno strappa ai propri cari centinaia di persone.

LA PROPOSTA DI LEGGE- E’ del primo dell’anno la proposta del ministro Cancellieri. Se approvata, la nuova legge introdurrà norme più restrittive e sanzioni più severe per chi provoca incidenti stradali sotto l’effetto di alcolici o di sostanze stupefacenti. Al vaglio del legislatore la possibilità di revocare definitivamente la patente per chi provoca incidenti mortali, inasprendo le pene detentive a carico di chi guida in maniera tale da pregiudicare la sicurezza per gli altri utenti della strada. Previsto inoltre lo snellimento delle procedure giudiziarie. L’ipotesi allo studio prevede il rito direttissimo quando la dinamica dei fatti sia stata accertata con ragionevole precisione e nei casi più complicati che si possa comunque procedere con il rito immediato, saltando dunque alcuni passaggi che certamente allungano i tempi di durata del dibattimento.

LE ASSOCIAZIONI- L’associazione “Mamme Coraggio e Vittime della Strada” ha diramato un comunicato stampa in favore dell’approvazione della legge : «Finalmente qualcosa di concreto comincia a delinearsi dopo le tante nostre battaglie portate avanti sul territorio. Le dichiarazioni del ministro Cancellieri ci rendono felici, in quanto sono un riconoscimento al lavoro che portiamo avanti a Napoli e in tutta la provincia. L’introduzione del reato di omicidio stradale sarà un fortissimo deterrente contro tutte le persone che guidano in modo sconsiderato, provocando ogni anno lutti ai danni della comunità. Vogliamo ricordare il nostro continuo confrontarci con le istituzioni locali, cercando in loro i nostri alleati per la prevenzione. Le autorità dovrebbero capire che solo con il loro intervento si possono evitare nuovi lutti. Chiediamo pubblicamente a tutte le istituzioni di aiutarci a combattere e ad attuare tutte quelle misure che permettano un maggiore controllo del territorio. Chiediamo inoltre l’intervento presso le scuole, per sensibilizzare i ragazzi al corretto uso di auto e moto, sperando che il nostro messaggio possa evitare che altri giovanissimi perdano la vita sull’asfalto».

 

Antonio Folle

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.