Quarto: rischio emergenza, via montagna spaccata sommersa dai rifiuti

434 0

Quarto. Scene che non avremmo più voluto vedere si stanno verificando in questi giorni nella cittadina flegrea. Grossi cumuli di rifiuti sono segnalati nella zona di via montagna spaccata. Immagini che ci riportano alla mente la crisi dei rifiuti che ha attanagliato Napoli e la sua provincia nel 2007/2008. Il Comune di Quarto è stato recentemente sciolto per infiltrazioni camorristiche, da allora la raccolta dei rifiuti avviene a singhiozzo, se si eccettuano poche strade tutte ubicate nel pieno centro.

IMMONDIZIA DAPPERTUTTO– Le strade di periferia sono ormai lasciate nel totale abbandono dall’amministrazione. Lo testimoniano gli enormi cumuli di rifiuti che ormai la fanno da padrona. Impossibile avviare la raccolta differenziata. Gli stessi contenitori sono ormai circondati dalle cataste di rifiuti ammonticchiati come capita. La raccolta dei rifiuti viene effettuata, nelle strade periferiche, generalmente una sola volta a settimana. Molti cittadini ormai non scendono nemmeno più dalla loro automobile per depositare la spazzatura, basta lanciare il sacchetto mentre si è in corsa con la propria vettura.

NON SOLO SACCHETTI– In via montagna spaccata le montagne di rifiuti non sono composte solo ed esclusivamente da sacchetti. Sono infatti presenti rifiuti di ogni genere, dai cartoni molto probabilmente serviti da imballaggio per gli articoli del vicino mobilificio, ai materassi gettati sulle cataste di rifiuti. Si segnala inoltre la presenza di due cassonetti capovolti, uno di questi completamente accartocciato su se stesso, le cui lamiere ritorte rappresentano un ulteriore pericolo per la cittadinanza.

LA RABBIA DEI CITTADINI– Comprensibile la rabbia degli abitanti di Quarto. A causa dei blocchi nella raccolta differenziata i rifiuti sostano nei pressi delle abitazioni per giorni e giorni, spargendo nell’aria un cattivo odore insopportabile. Le enormi cataste di rifiuti finiscono inesorabilmente per attirare branchi di cani randagi, che si nutrono degli avanzi lasciati nei sacchetti, rappresentando un ulteriore pericolo dal punto di vista igienico-sanitario. Impossibile buttare la spazzatura negli appositi cassonetti, dal momento che questi ultimi non sono ormai più visibili, seppelliti dalla montagna di rifiuti. Le associazioni di cittadini starebbero addirittura pensando di istituire una class action nei confronti dell’amministrazione comunale.

 

Antonio Folle

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.