QUARTO/ I cittadini si sentono abbandonati, scendono in piazza a protestare – LE FOTO

473 0

QUARTO- Su proposta della Consulta Giovani, del movimento Quarto Mondo, del Comitato Acqua e Territorio e di altre realtà locali, i cittadini hanno organizzato un corteo contro il disagio quotidiano provocato dall’assenza delle istituzioni. L’obiettivo è suscitare l’intervento del Comune, della Regione e dello Stato per risolvere le numerose questioni che preoccupano la cittadinanza.

2014-04-05 16.23.55
Istituzioni assenti, i cittadini scendono in piazza

UNA PROTESTA PER DIFENDERE LA CITTA’- Il corteo partito dalla Villa Comunale “Karol Wojtyla” si è diretto alla rotonda di Corso Italia, per concludersi in piazzale Europa. Oltre alla Consulta, al Quarto Mondo e al Comitato Acqua e Territorio, il corteo ha coinvolto buona parte della cittadinanza, la squadra di calcio Quartograd e la tifoseria, il collettivo studentesco Isis di Quarto e i Carc di Quarto e Qualiano. I motivi della protesta sono molti.

ASSENZA DI LUOGHI DI AGGREGAZIONE – Fra i più importanti, l’assenza di spazi di aggregazione sociale, per giovani e adulti, come nel caso della mancata sede della Consulta o della chiusura del “Circolo Incontriamoci”. Ciò impedisce il fiorire di una partecipazione cittadina apolitica e di un diritto di associazione sancito dalla Costituzione. Uno dei pochi luoghi di aggregazione è la sede del movimento “Quarto Mondo” che corre il pericolo di essere sgomberata. Infatti, in seguito all’assegnazione di fondi europei per il recupero di aree cittadine, il Comune potrebbe ristrutturare la loro sede in via Dorando Petri e non restituirgliela.

STRUTTURE SCOLASTICHE PRECARIE – Un altro fatto importantissimo che preoccupa i cittadini, è la precarietà delle strutture scolastiche. A causa di interventi di recupero, tre scuole sono state chiuse e dopo l’incendio dello scorso mese, gli studenti della scuola media “E.De Filippo” e quelli della “P.Gobetti” sono costretti ai doppi turni nella seconda scuola. Inoltre, l’insufficienza di navette comunali che quotidianamente svolgono il trasporto scolastico, impedisce a tutti gli studenti paganti un abbonamento, di usufruire ogni giorno di tale servizio.

CARO AFFITTI – Questione che ha acceso molti animi è quella del caro affitti. Il tasso di disoccupazione e di precarietà locali rendono difficile il pagamento degli affitti di case e negozi, continuamente in aumento a causa delle imposte statali e regionali. Numerose sono state le botteghe del centro commerciale che hanno chiuso a causa di un fitto troppo alto e molte sono le preoccupazioni dei commercianti locali che stentano a coprire le spese. Fortemente sentito il rifiuto di un’ipotizzabile introduzione del territorio quartese nel progetto discariche del Commissario Raffaele Ruberto e di una gestione privata ventennale dell’acquedotto, la quale indurrebbe un aumento delle tasse sull’acqua.

 

Stefania Moschini

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.