PROTESTA/ Cittadini in piazza per opporsi allo sgombero di Quarto Mondo

453 0
1506704_273351682820160_598386772_n
Cartello manifestanti

 

QUARTO – Erano in centinaia gli esponenti di gruppi sociali che stamane si sono dati appuntamento a piazzale Europa per opporsi alla delibera del Comune, commissariato, che imporrebbe la chiusura del cantiere sociale Quarto Mondo. C’erano in piazza rappresentanti di Quarto Mondo, Isis, ex Macello di Acerra, Lido Pola, Zero081, Stella Rossa 2006, Progetto Eva e numerose istanze sociali; tutti per esprimere solidarietà e sostegno agli occupanti della Tensostruttura, Quarto Mondo.

 

L’INCONTRO CON I COMMISSARI – Dapprima i manifestanti si sono raccolti davanti alla struttura comunale per un incontro collegiale fra tutte le istanze sociali e i commissari. Al diniego da parte dei rappresentanti dell’amministrazione un gruppo di esponenti di Quarto Mondo è stato ricevuto dalla rappresentanza commissariale; in cui sostanzialmente si indicava l’esperienza di Quarto Mondo come non aliena al territorio e in conto alle eventuali decisioni che verranno prese intorno alla Tensostruttura.

 

LE RAGIONI DEI MANIFESTANTI E L’OCCUPAZIONE DEGLI UFFICI – Pare curioso però quest’atteggiamento, che si limita alla forma verbale, a fronte di quanto invece è scritto nella delibera comunale, che anticipa uno sgombero della struttura e un investimento da novecentomila euro senza mai nominare l’esperienza Quarto Mondo. La rivalutazione della struttura, dato riconosciuto anche dai cittadini quartesi, è stata già ampiamente avviata dagli occupanti con fondi del tutto inferiori a quelli decretati; basti pensare al laboratorio per bambini, al Cineforum, al Listening Party (momenti di ascolto musicale condiviso) al Basket Play Ground e infine L’Anguilla – giornalino in movimento, spendendo poco più di duemila euro, attraverso iniziative e autofinanziamento. A fronte di ciò i manifestanti hanno esposto uno striscione da un balcone dell’edificio comunale e occupato gli uffici.

 

IL CORTEO E L’ASSEMBLEA PUBBLICA – A seguito dell’incontro le strade di Quarto sono state animate dal corteo dei giovani che hanno rivendicato l’importanza sociale di Quarto. Tale corteo si è concluso presso la Tensostruttura, dove è stata svolta un’assemblea pubblica. Ad essa hanno partecipato l’Assemblea Giovani di Quarto, Collettivo Isis, Comitato Acquae Territorio di Quarto e Lido Pola. Nell’assemblea ha trovato conferma la solidarietà ai ragazzi di Quarto Mondo, confermando lo slogan principale della giornata: Quarto Mondo non si tocca!

 

Marco Coppola

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.