Non solo presepi: San Gregorio Armeno, un tesoro da scoprire tra fede, arte e storia

572 0

???????????????????????????????
Il Complesso di San Gregorio Armeno

NAPOLI – San Gregorio Armeno non è solo famosa per i suoi pastori e presepi, nasconde e rivela tesori inestimabili. Sono proprio essi i protagonisti di una imperdibile visita al Complesso religioso di San Gregorio Armeno. Il tour rientra nella rassegna “Capolavori da riscoprire in città: conversazioni con i curatori”, sotto l’egida del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, i funzionari esperti della Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della Città di Napoli invitano il pubblico stamattina (30 novembre) per un undicesimo appuntamento davvero “d’eccezione.

 

LA CHIESA NELLA VIA DEI PASTORI – In piena coincidenza con l’avvento del periodo natalizio, il protagonista conversazione didattica sarà il Complesso religioso di San Gregorio Armeno, situato nell’omonima e famosa “via dei pastori” su cui insiste, quasi in pendenza, tra il decumano inferiore (Spaccanapoli, ndr) e quello mediano via dei Tribunali. Luogo sacro la cui fondazione affonda le radici nel lontanissimo VIII secolo d.C., è oggi agibile, officiante e considerato tra i gioielli preziosi del patrimonio storico-artistico di Napoli, con un catalogo di opere da ammirare in ottimo stato di conservazione. All’interno della chiesa riposano le spoglie e alcune reliquie di Santa Patrizia, compatrona di Napoli in coppia con San Gennaro, molto venerata dai napoletani per le numerose “grazie ricevute” e per le liquefazioni del suo sangue. Tre affreschi in controfacciata del maestro Luca Giordano raccontano l’epopea dello sbarco di un gruppo di monache che dall’Armenia approdarono a Napoli portando con sé le reliquie di Gregorio, dedicatario della fondazione. Tutt’intorno è poi un tripudio senza limiti di sfarzosa decorazione in stile rococò, di quello più ricco e dorato che avvolgere in un ricamo raffinato pitture, sculture, statue, affreschi e marmi.

 

esterno san gregorio_2TANTE NOVITÀ DA RISCOPRIRE – È un sito sicuramente conosciuto e visitato dai più, ma la partecipazione a questo itinerario “speciale” permetterà di potersi calare nella realtà storica, religiosa e artistica del plesso monastico con un taglio tutto nuovo. Alla luce degli approfondimenti contenuti nelle recenti pubblicazioni, verrà illustrata la storia della chiesa come edificio architettonico di cui “sfogliare”, ad uno ad uno, i mutamenti nel corso del secolo dettati delle scelte della committenza. Dal tardo Cinquecento (a cui risalgono il soffitto cassettonato e le pale d’altare) alla fase seicentesca (testimoniata dalle pitture giordanesche) sino al pieno Settecento dell’ingegnere Niccolò T. Canale che tutto rivestì del linguaggio rococo (gelosie, stucchi, ori, organi, cantoria, cancelletti nelle cappelle). In particolare è il coro delle monache soprastante l’ingresso a raccontare quel radicale cambiamento di gusto e di liturgia che la chiesa subì con i dettami della Controriforma. Sopravvissuto alla strage del terremoto grazie ad restauro terminato nel 2006, il complesso continua a celare storie, aneddoti e cronache relative alla vita religiosa di clausura. Il percorso di visita tenterà di ripercorrere la trama articolata ma alquanto affascinante di una storia dell’arte napoletana antica a cui si sommarono nuove formule artistiche con le grandi opere commissionate ai pittori del XVII e XVIII dalle monache.

INFORMAZIONI – Ad accogliere e guidare i partecipanti sarà la dottoressa Laura Giusti, curatore esperto della Soprintendenza e tutor di un’area territoriale del centro storico in cui ricade anche il complesso di San Gregorio. L’appuntamento per il pubblico è fissato all’ingresso della chiesa in via San Gregorio Armeno, 1. Munirsi di curiosità, passione per l’arte e tanto amore per la propria città.

 

Giovanni Postiglione

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.