NAPOLI/ “Artisti ‘e strada, ambulanti e ssunature arrecreano ‘a passiata cu mmille culure” – GUARDA IL VIDEO

729 0

di Fausto Marseglia 

[vivotv]CZaPlLmZFD0[/vivotv]

NAPOLI – Lasciata piazza S. Domenico e superato l’incrocio con via Mezzocannone subito ci troviamo a piazzetta Nilo ove si affaccia la chiesa di Sant’Angelo a Nilo, nota come Cappella Brancaccio. Questa chiesa originariamente dedicata a S. Michele Arcangelo fu fatta edificare nel 1385 dal cardinale Rinaldo Brancaccio. Sul finire del XV secolo i nobili del seggio del Nilo acquistarono il terreno del monastero di Donnaromita per collocarvi la loro nuova sede e la chiesa si ampliò dando luogo allo spostamento del monumento sepolcrale di Rinaldo Brancaccio dalla parete di fondo a quella laterale. Questo monumento fu scolpito nel 1427 a Pisa da Donatello e da Michelozzo e poi trasportato a Napoli.Alla fine del XV secolo fu realizzato anche il monumento sepolcrale del fratello Pietro Brancaccio. E di questo periodo sono probabilmente anche le due porte lignee, che si affacciano rispettivamente su piazzetta Nilo e su via Mezzocannone, entrambe suddivise in tre rettangoli con immagini di santi in bassorilievo realizzate da artisti fiorentini in noce intagliata. Bella ed imponente è la tela dell’arcangelo dipinta da Marco Pino collocata sull’altare maggiore.

MONASTERO SANTA MARIA DONNAROMITA – Accanto alla chiesa di S.Angelo a Nilo, tra il vico Donnaromita e via Palladino si affacciano la chiesa e l’annesso monastero di Santa Maria Donnaromita. Questo monastero, che evoca la storia delle tre sorelle fattesi suore per essersi innamorate dello stesso uomo secondo il racconto di Matilde Serao, in effetti ha tale nome molto probabilmente per ricordare le donne di Romania, cioè le suore cristiane che fuggirono da Costantinopoli e dalla Romania per le persecuzioni degli iconoclasti. Apposta ad un muro laterale del monastero nel vico Donnaromita si nota una lapide ammonitrice con l’obbligo di fare silenzio nei pressi di quelle mura per il rispetto dovuto al luogo.

IL DIO NILO – Superata piazzetta Nilo nel largo a sinistra troviamo il monumento del Corpo di Napoli raffigurante il dio Nilo che ci testimonia la presenza degli alessandrini, qui stanziati in epoca romana, e lo spirito di appartenenza delle famiglie della zona che facevano parte del Seggio del Nilo. La statua, che poggia su un alto basamento in piperno e travertino, è raffigurata come un vecchio con barba lunga disteso col braccio sinistro su una sfinge (ora rimossa) e con il braccio destro che sostiene una cornucopia, circondato da alcuni puttini. Rappresenta la personificazione del fiume Nilo e simboleggia la fertilità. Questa statua con la venuta del cristianesimo scomparve. Poi riapparve senza testa verso la metà del XII secolo durante alcuni scavi. Ma venne riconosciuta e fu collocata vicino la sua sede dando il nome al Seggio. Nel 1667 gli Edili restaurarono la statua e le scolpirono una nuova testa.

SPOSTATA LA STATUA E LE SUORE S’INFURIANO – Nel 1734 fu posta nel largo “Corpo di Napoli”, nello spazio ove si trova ora, che è stato ricavato abbattendo parte del monastero con grande disappunto delle suore rumene, le cui anime sembrano ancora aggirasi qui infuriate. Sull’origine del toponimo “Corpo di Napoli” esistono due interpretazioni. La prima attribuisce il nome al fatto che per secoli della statua è esistito solo il corpo. La seconda vuole indicare che qui ci si trova esattamente nel corpo centrale del centro storico di Napoli. E per contrapposizione si attribuisce il nome Caponapoli all’altura ove è stata ritrovata una smisurata testa di pietra (raffigurante forse la testa della sirena Partenope).

POESIA

Ô tratto ‘e decumano dopp’ ‘o Nilo

ce sta n’ammuina ca pare nu curtile.

E’ ‘a via chiammata San Biagio dei librai

addò ‘e cammena‘ ‘un te scucce maje.

 

‘E mmonache ca fujetteno senza ggenio

purtajeno ‘o cranio ‘e San Biase ‘a ll’Armenia.

Arrivate nnant’ â cchiesiella ‘e San Gennaro

se fermajeno pe ferni’ ‘o viaggio amaro.

 

Po’ se spustajeno e ‘a chiesa s’ ‘a pigliaje

chella ca era ‘a cunfraternita d’ ’e libraie.

Accussì San Biagio dei librai addeventaje ‘a via

addò ce truove sempe ggente in alleria.

 

‘Sta strata è stata sempe apprezzata

‘a tanta ggente c’ â tutte ll’ore s’ è ‘mpezzata,

curiuse e lletterati ca cercano ‘e tutto,

libre e pure quacche oggetto antico rutto.

 

Vide puteche ‘e articoli sacri, gioiellerie,

librerie, bancarelle ‘e menuzzaglia e ppizzerie.

Artisti ‘e strada, ambulanti e ssunature

arrecreano ‘a passiata cu mmille culure.

 

Cu ll’uochie puntate addò te muove

t’arrecrje a gguarda’ chello ca truove.

Vide palazze e ccose belle dint’ ‘a via

ca te fanno scurda’ tutt’ ‘a malincunia.

 

Letterati, uno cchiù importantie ‘e n’ àto,

nnant’ ’a ‘sti bbancarelle se sso fermate

comme Gian Battista Vico e Benedetto Croce

c’ â ‘sta strata hanno dato ‘a meglia voce.

 

Dopp’ ‘a piazzetta d’ ‘a chiesia ‘e San Gennaro

truvammo palazze ‘e na bellezza rara.

Palazzo Carafa è catalano e rinascimentale

e tène ‘e bbugne rettangolari senza eguale.

 

Doppo poco truvammo palazzo Marigliano

ca Mormando pe de Capua facette chianu chiano

c’ ‘a facciata cu ddoje linee architettoniche

e nfacc’ ‘e mmure ‘e ll’atrio ddoje lapide storiche.

 ‘A primma fuje scritta pe Costanza Chiaromonte,

riggina ripudiata ca truvaje cca àti nnozze pronte.

‘A siconda arricorda ca cca ce fuje ‘a cungiura

organizzata contro ‘e spagnuole senza paura.

 

Cchiù nnante sta palazzo Carafa Montorio

ca era d’ ‘o seggio Nilo sede e pparlatorio.

Na doppia rampa ‘e scale ncopp’ ‘a smerza

port’ â cchiesia San Nicola a Nilo ca s’è perza.

 

Dint’ ‘o spazio d’ ‘a via nu poco arretrata

truvammo na chiesia cu na bbella facciata

cu ‘e statue ‘e San Filippo e San Giacomo ‘e creta

ca Sammartino facette pe ll’Arte d’ ‘a Seta.

 

Po’ ce sta ‘a Cappella d’ ’o Monte d’ ’a Pietà

ca dint’ ô curtile ‘e nu palazzo se fa guarda’.

‘E lato stanne ‘e statue d’ ‘o Bernini Carità e Sicurtà

e mmiez’ a ll’ angeli d’ ‘o Naccherino ‘a Pietà.

 

‘A cappella è nu tesoro d’arte fine e viva

c’ ‘a tomba d’ ’o cardinale Ottavio Acquaviva.

Ce stanno sculture e ppitture d’ ’o Fanzago

c’ ha fatto cca nu paraviso comme nu mago.

 

Si cammine ancora ce truove tanta bbellezze

ca regneno ll’uocchie e ccacciano ‘a tristezza.

‘E cchiese San Nicola a Pistasio e Divino Amore

pure si abbandunate te fanno palpita’ ‘o core.

 

E accussì simmo arrivat’ â fine d’ ‘a strata

addò truvammo ll’incrocio a squadra cu n’ata.

Chest’ è via Duomo ca cardine principale è stato.

E se vedono pure ‘a Vicaria e Furcella a ll’atu lato.

 

Ma ‘ncruciammo primma d’arriva’ a ‘stu puntone

‘o spitale addò ‘e bambole rotte se fanno bbone.

Cu nu suspiro a cchello ca s’ è visto ripenzammo

e zumpettiano c’ ‘o core allero ce ne jammo.

 

 

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.