Mozzarella di bufala: spettro brucellosi

478 0

Ancora una volta uno dei prodotti più rinomati dell’industria alimentare campana viene avvolto da nuove ombre. Dopo le tracce di diossina di qualche anno fa, la mozzarella di bufala è arrivata sulle tavole dei consumatori da animali malati.

Negli allevamenti del casertano, infatti, sono stati sequestrati vari capi di bestiame, 180, perchè infetti da brucellosi. Ma non è tutto, perché gli allevatori avrebbero abusato di vaccini per nascondere la malattia ai controlli sanitari. In tal modo, si assicuravano il latte dagli animali, anche se infetti, abbattendoli solo alla fine del ciclo produttivo. Lo stratagemma faceva percepire ai proprietari degli allevamenti le quote per la brucellosi, come previsto dall’unione europea.

La UE, infatti prevede quote per far si che gli animali infetti vengano abbattuti repentinamente.

E’ stato il corpo della guardia forestale ad individuare il ciclo, per nulla virtuoso, degli allevatori e ad effettuare i sequestri delle bufale.

Redazione

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.