LO SCEMPIO/ Ripulite le mura greche di Piazza Bellini, ma già compaiono nuovi rifiuti – LE FOTO

632 0

NAPOLI – Un primo fine settimana già amaro. A distanza precisa di una settimana dall’intervento di pulitura del fossato delle mura greche in piazza Bellini, condotto da diversi volontari, tra cui anche il consigliere della II Municipalità Pino De Stasio, compaiono di nuovo rifiuti e bottiglie sul pavimento dell’area archeologica del centro storico più discussa del momento. Nonostante l’impegno profuso per liberare lo scavo infestato da bottiglie, erbacce, bicchiere e immondizia, le mura greche del IV secolo a.C. non hanno retto contro un’inciviltà abitudinaria.

 

IMG_7385
Il degrado di Piazza Bellini a Napoli

LA BUONA BATTAGLIA DELL’EDUCAZIONE – Una discarica a cielo aperto per nuovi lanci di bottiglie, dunque, accidentali o voluti che siano, segno della movida notturna che anima la storica piazza o di chiunque in qualunque momento della giornata offenda il proprio patrimonio culturale. Sembra evidente siano stati dunque ignorati i moniti dei cartelli affissi sulla ringhiera del fossato dai volontari, per dissuadere da comportamenti sbagliati e per educare ad un sano smaltimento della spazzatura. Uno dei tre, addirittura, è stato già strappato e giace divelto sull’antica pavimentazione.

Nei giorni scorsi non sono mancate altre iniziative di sensibilizzazione da parte di soggetti impegnati in questo campo. L’associazione Cleanap, ad esempio, ha rilanciato un importante messaggio realizzando, in collaborazione con Oltrecielo.com, un video indipendente con cui immagini e parole invitano al rispetto nei confronti delle mura.

 

L’OPINIONE PUBBLICA SI DIVIDE – I volontari puliscono le mura greche e nuove bottiglie compaiono nuovamente tra le mura greche di piazza Bellini. Questa “saga” divide anche il popolo del web, in particolare dei social network, tra chi scoraggiato si lascia cadere le braccia di fronte ad una problematica difficile da estirpare, tra chi aveva profetizzato un esito di facile previsione e tra chi ritrova speranza e fiducia in questa pulitura straordinaria. Anche la competenza degli interventi diventa oggetto di un braccio di ferro a colpi di post e commenti: da un lato la necessità di un diritto/dovere che spetta alla sovrintendenza dei beni archeologici e dall’altro il plauso per la presenza attiva di associazioni e volontariato di settore che non si arrendono. 

Tra i principali strumenti che l’opinione pubblica suggerisce per salvare la piazza si rilancia l’ipotesi di una lastra protettiva in vetro, si punta sulla massiccia sensibilizzazione dei cittadini e su un costante programma di pulitura da parte degli operatori preposti.

 

Giovanni Postiglione

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.