L’ANGOLO DELLA POESIA/ “Si dint’ ‘a cappella vide ‘o “Cristo velato” rummane ammeno nu poco meravigliato” – IL VIDEO

1232 0

 di Fausto Marseglia

[vivotv]knVtKInmTP0[/vivotv]

 NAPOLI – Sulla strada in salita al lato destro della piazza San Domenico Maggiore, superato palazzo Saluzzo di Corigliano, oggi sede dell’Università Orientale, si affaccia un palazzo con un imponente stemma nobiliare. E’ qui che fu consumato l’atroce delitto d’onore di Maria D’Avalos d’Aragona e di Fabrizio Carafa ad opera del marito di lei Don Carlo Gesualdo.

IL PRINCIPE – Ed è qui che dopo circa duecento anni dal fatto di sangue venne ad abitare Raimondo di Sangro principe di Sansevero da Torremaggiore. Questi fu un personaggio davvero sorprendente vissuto tra il 1710 e il 1771. Fu naturalista, filosofo, scrittore, musicista, poeta, astronomo, inventore, alchimista, soldato e mecenate. Con la sua poliedrica attività entrò a far parte della confraternita dei Rosa-Croce, dove venne iniziato agli studi alchemici. Egli amava praticare di persona ogni genere di esperimento e non era raro vedere uscire dalle stanze del palazzo strani fumi colorati o sentire odori particolari. Questi fatti gli valsero l’appellativo di “stregone”.

EE
Il Cristo Velato

LA FAMOSA CAPPELLA SANSEVERO – Nel vicolo ad angolo di fronte al palazzo si trova il sacello di famiglia, la famosa cappella Sansevero, ove il principe diede vera prova delle sue conoscenze e della sua maestria. In questa cappella si trovano le più belle e più sconvolgenti opere d’arte napoletane. Le statue in marmo, fra cui la “Pudicizia” del Corradini e il “Disinganno” del Queirolo, in memoria della madre e del padre, sembrano persone viventi. L’opera più famosa è il “Cristo velato” dello scultore Sanmartino, di grande e misterioso realismo, che lascia intravedere il volto del Cristo pur col velo marmoreo adagiatovi sopra. Si dice che il principe, dopo questa straordinaria creazione, abbia fatto accecare lo scultore per evitare che questo capolavoro potesse essere replicato. Lo straordinario effetto ha comunque dato luogo alla credenza dei poteri del principe di manipolare sostanze che essiccate diventavano marmo.

GLORIA DEL PARADISO – Ciò spiegherebbe tra l’altro come fosse possibile trovare iscrizioni in marmo a rilievo su altro marmo. Ma al principe veniva attribuita anche la capacità di inventare colori capaci di resistere al logorio del tempo. Infatti gli affreschi della cappella, come la “Gloria del Paradiso” dipinta da Francesco Maria Russo, mantengono integra la vivacità dei colori nel tempo. Altri poteri attribuiti al principe sono legati alla padronanza dell’alchimia. Si diceva che avesse inventato una carrozza anfibia ed una lampada dalla luce eterna. Nella cappella si trovano poi le cosiddette “macchine anatomiche”, che sono in realtà due scheletri con il sistema venoso pietrificato. A riguardo si racconta che il principe abbia fatto uccidere due servi per sperimentare le sostanze capaci di simili artifici. Di lui si racconta pure che abbia fatto uccidere alcuni cardinali per rivestire con la loro pelle delle sedie con gli schienali. Sentendo poi avvicinare l’ora delle dipartita volle addirittura sperimentare la possibilità di sconfiggere la morte. Si fece tagliare a pezzi da un servo e riporre prontamente in una cassa con filtri di sua invenzione. Ad un tempo prestabilito la cassa si sarebbe dovuta aprire e lui ne sarebbe uscito vivo ed integro. Ma dopo la sua morte i familiari, credendo che quella cassa contenesse un tesoro, l’aprirono prima del tempo prefissato. Ed il principe in fase di ricomposizione si alzò, urlò e morì dannato.

MISTERI DI NAPOLI – Non si sa quanto di vero possa esserci nel racconto. Ma è certamente suggestivo ascoltarlo. Resta comunque il fatto che alla figura del principe di Sansevero è legato uno dei più affascinanti misteri di Napoli. E c’è qualcuno che giura di aver sentito di notte in questi luoghi lo scalpitìo dei cavalli e di aver visto il principe stesso passare in carrozza privo della testa.

POESIA

Mmiezo piazza San Domenico Maggiore

nun ce sta sulo ‘a chiesa d’ ‘o Signore

ma pure uòsemo ‘e mistero d’ ‘e palazze

addò sso’ succiese tanta cose ‘e pazze.

 

Palazzo Casacalenda ô lato d’ ‘o puntone

fuje tagliato p’allarga’ Miezucannone.

Palazzo Petrucci , ca fa angolo c’ ’a chiesa,

è ‘a casa ‘e chillo ca restaje c’ ’a capa appesa.

 

Vicino ll’università Saluzzo-Corigliano

si saglie ô lato destro chianu chiano

‘e l’importanza ‘e nu palazzo t’adduone

p’ ô stemma nobiliare ncap’ ô purtone.

 

E dint’ ô vico a ffianco sta ‘a cappella

addò pare facesse cose bbrutte e bbelle.

‘E ‘stu signore se ne diceno cose strane

e pare ca facesse miracule cu ‘e mmane.

 

E’ rimasto nu mistero comme faceva

si ncopp’ ô mmarmo c’ ‘o mmarmo screveva.

Era nu mago e faceva cose strane assaje

c’ âncora ogge nisciuno ss’ ‘e spieca maje.

 

Si dint’ ‘a cappella vide ‘o “Cristo velato”

rummane ammeno nu poco meravigliato

nun capenno comme po’ pparè’ ‘a faccia

sotto nu velo ‘e marmo ca ‘un se straccia.

Pare pure c’avesse acciso quacche cardinale

pe rivesti’ cu ‘sta pelle segge e schienale.

Stoffe, misture e stucchi ‘e gran qualità

facev’ isso stesso senza maje se ferma’.

 

D’ ‘e ppitture e sculture int’ ‘a cappella

nun truove opera d’arte ch’è cchiù bbella.

E pure cca ha miso ‘e mmane Sansevero

‘nventannose sustanze rimaste nu mistero.

 

Quanno capette ca s’avvicinava ‘a morte,

vulenno cagna’ pure ll’urdema sciorte,

se facette taglia’ a ppiezze senza paura

e metterse ‘nt’ ‘a na cascia cu mmisture.

 

Dopp’ ‘o tiempo stabilito iss’ aëva resuscita’

e ‘e piezze riazzeccarse pe turna’ a campa’.

Ma ‘a famiglia truvanno chistu furziere

l’arapette senz’ accurtenza e senza maniera.

 

‘E piezze d’ ‘o principe nun s’erano saldate.

Isso s’aizaje… ma murette lla pe lla dannato.

Chest’ è ‘a bbella storia ‘e ‘stu posto cca

addò vène tanta ggente pe s’ ‘a fa’ cunta’.

 

Nun ‘o ssaje si è lliggenda, storia o fantasia.

Ma si te truove a passa’ ‘e notte pe ‘sta via

siente na carrozza cu ‘e cavalle ‘e scalpita’

è vide ‘o principe senz’ ‘a capa ‘e ce passa’.

 

 

 

 

 

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.