L’ANGOLO DELLA POESIA/ “Se chiamma Miezucannone pe via ‘e na funtana ca tenenno ‘a canna mozza era nu poco strana” IL VIDEO

820 0

di Fausto Marseglia

[vivotv]5q69JNl3B7w[/vivotv]

NAPOLI – La strada di collegamento fra corso Umberto I, detto Rettifilo, ed il centro storico della città, antico ed irregolare cardine della Napoli greco-romana, ha subito notevoli trasformazioni negli anni. Prima del rifacimento dell’intera zona, avutasi col “Risanamento” (bonifica urbanistica) verso la fine dell’ ‘800, questo era un posto impervio, malfamato e maleodorante. Era questa la famosa via Mezzocannone descritta crudamente da Matilde Serao nel “Ventre di Napoli”… “popolata tutta di tintori… un budello nero, storto, ripido, sdrucciolevole…”

L’ORIGINE DEL NOME – Era davvero un posto ove riusciva difficile vivere, se non addirittura passarci, per gli odori acri della tintura delle stoffe che veniva eseguita dentro e fuori le botteghe, per i continui dislivelli, per le irte salite, per gli antri ed i facili nascondigli di malfattori che trovavano ideale la zona per i loro borseggi e le agevoli vie di fuga.L’origine del nome è legata ad una fontana che era posta a ridosso del piazzale della chiesa di San Giovanni Maggiore nel vicolo prospiciente la strada. Questa fontana con vasca in piperno, detta abbeveratora, fu voluta da re Alfonso II di Aragona per far bere i cavalli e far lavare i panni alle donne. L’acqua fuoriusciva da una cannula mozzata che, evocando la bocca di un mezzo cannone, diede il nome alla strada. Sopra la fontana fu posta anche una statua del re di buffa fattura e mal riuscita che, suscitando il riso di chi la vedeva, valse al re l’appellativo di “’O rre ‘e Miezucannone”.

IL RISANAMENTO – Col “Risanamento” la strada fu resa più regolare e meno ripida, tanto da far scorgere dal basso il centro storico, e fu abbellita con palazzi e giardini di pregio. All’angolo del vicolo di San Giovanni Maggiore, di fronte la facciata laterale dell’ateneo, fu posta una lapide venuta fuori dagli scavi raffigurante il dio Orione, simbolo del sedile di Porto ma che, per i napoletani, è anche simbolo di un ragazzo protagonista di una storia suggestiva importata dalla Sicilia. Essa, che raffigura un uomo ricoperto di peli riccioluti e che con la mano destra alzata impugna un grosso pugnale, ricorda il malinconico racconto di Nicolò Pesce. Questi era un monello che amava stare sempre in mare. La mamma, che si disperava in quanto il ragazzo era sordo ad ogni richiamo, un giorno gli mandò la maledizione che diventasse pesce.

LA MALEDIZIONE DELLA MAMMA –  E Nicolò di fatto diventò un mezzo pesce capace di restare sott’acqua per ore senza respirare. Armato del suo pugnale si lasciava ingoiare dai pesci più grandi per lasciarsi trasportare. E, quando decideva di fermarsi, apriva loro la pancia ed usciva. Il re, incuriosito da questo fenomeno, domandò a Nicolò come fosse il fondo del mare. E Nicolò rispose descrivendo i tesori che ivi si trovavano. Poi chiese come la Sicilia potesse galleggiare. E Nicolò disse che l’isola poggiava su tre colonne di cui una era incrinata. Ed ancora il re volle sperimentare fin dove Nicolò potesse arrivare e fece sparare una palla di cannone in direzione del faro di Messina, ordinandogli di andare a recuperarla. Nicolò, temendo di non potercela fare, fece presente il rischio. Ma, all’insistenza del re, si tuffò in mare e nuotò rincorrendo la palla. Alla fine la raggiunse. Ma non riuscì a tornare a galla e giacque morto in fondo al mare. Alla vista della lapide ci si ricorda di questa storia e c’è ancora qualcuno che si commuove fino alle lacrime.

 

POESIA

D’ ô corso Umberto primo ‘e fianco a ll’università

na strata saglie fin’ ô centro storico d’ ‘a città.

Se chiamma Miezucannone pe via ‘e na funtana

ca tenenno ‘a canna mozza era nu poco strana.

 

Alfonso II ‘a vulette sott’ ê ggrare ‘e San Giovanni

pe ffa ì’ a bbèvere ‘e cavalli e a llava’ ‘e panni.

‘Ncap’ â ‘sta funtana ce steva ‘a statua d’ ‘o rre

ca era brutta e faceva ridere chi ‘a jèv’ a vede’.

 

‘O rre ‘e miezucannone chiammavano sua maistà

e nnisciuno se perdeva ‘sta scena passanno pe lla.

Chesta strata a cchilli tiempe era stretta e fetente

cu pputeche ‘e tintori primma d’ ‘o risanamento.

 

Po’ allargajeno e accunciajeno tutt’ ‘a strada

pe bbunifica’ e rinnuva’ interamente ‘a cuntrada.

‘A funtana jette perduta nziem’ â statua d’ ‘o rre,

ma rifacettero ‘a pavimentazione pe meglio pare’.

 

‘A strata fuje allargata e schiàta pe pute’ sagli’

e mmo può’ cammena’ e vede’ addò va a fernì’.

Ogge ce vide palazze vestute ‘e pprete ‘e piperno

ca fanno scurda’ quanno ‘stu posto era n’inferno.

‘E fronte ô lato ‘e ll’ateneo saglienno ‘stu vialone

se vede na lapide a ll’angolo ‘e muro ‘e nu balcone.

È ‘o simbolo d’ ‘o sedile ‘e Porto e raffigura Orione.

Ma ce allicorda pure ‘a storia ‘e nu guaglione.

Tène ‘a capa c’ ‘a barba longa e cchièn’ ‘e capille

e ‘a pelle d’ ‘o cuorpo è ccummigliata ‘e ricciulille.

Porta nu curtiello dint’ ‘a mana destra ajzata

pe ffa allicurda’ na vecchia storia accussì cuntata…

 

A ‘stu guaglione semp’ ‘a mmare piacev’ ‘e sta’.

Si pure veneva chiammato maje se vulev’arritira’.

Nu juorno ‘a mamma ‘a jastemma le menaje

‘e addeventa’ pesce senza turna’ ommo maje.

 

E Nicolò addeventaje capace a mmare ‘e sta’

pe ore e ore senza sagli’ a ggalla a rrispira’.

Spisso ‘ncuorp’ âti pisce se faceva traspurta’

e l’arapev ‘ ‘a panza addò decidev’ ‘e se ferma’.

 

‘O rre le dummannaje che steva ‘nfunn’ ô mare

e Nicolò dicette d’ ave’ visto cose bbelle e rrare.

‘O rre vulette sape’ addò a Sicilia s’ appuiava.

E isso vedette tre culonne e ca una tuculiava.

 

‘O rre pe scanaglia’ fin’ addò Nicolò putesse arriva’

sparaje na palla ‘e cannone a mmare p’ ‘a fa’ piglia’.

Nicolò spalefecaje ‘o riseco ‘e nun pute’ turna’ maje,

ma ‘o rre ‘nzistette e allora ‘o guaglione ce pruvaje.

 

Se tuffaje dint’ a ll’onne e riuscette a truva’ ‘a palla.

Ma era ‘nfunno e ‘un ce ‘a facette a turna’ a ggalla.

Si aìze ll’uocchie a ‘stu posto ‘a lapide ‘o cconta.

E a quaccheduno na lacremella a ll’uocchie sponta.

 

 

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.