L’ANGOLO DELLA POESIA/ “Cca ce truove storia, liggende e architettura…” l’arte in Piazza San Domenico Maggiore – IL VIDEO

1307 0

di Fausto Marseglia

[vivotv]IsawIjKoj40[/vivotv]

NAPOLI – Piazza S. Domenico Maggiore è forse la piazza più ricca di storia e di leggende della Napoli del passato. L’obelisco al centro della piazza fu eretto come ex-voto di riconoscenza al santo, per il suo intervento risolutivo contro la peste del 1656, ad opera di architetti importantissimi come Picchiatti, Fanzago e Vaccaro, che scolpì anche la statua.

MEMORIE STORICHE – S. Domenico dall’alto sembra vegliare su queste memorie storiche oltre che benedire chi passa per la piazza. Ovunque si volga lo sguardo c’è da vedere qualcosa che ci rimanda ad un pezzo di storia di Napoli o a qualche leggenda che si tramanda da secoli con grande verosimiglianza. Si nota sulla sinistra, guardando la chiesa, palazzo Petrucci, ove abitò Antonello Petrucci, segretario di Stato dei re Alfonso e Ferrante d’Aragona, artefice dalla congiura dei baroni, che ci rimise la testa per il suo tradimento. C’è la chiesa di S. Domenico Maggiore, con la facciata che ha l’aspetto di un castello, che raccoglie notevoli tesori d’arte e grandi testimonianze storiche oltre le famose “arche” della sagrestia, ove riposano reali e nobili della dinastia aragonese.

ee
La bellezza di San Domenico Maggiore

TRA LE ARCHITETTURE – Il convento annesso fu un’ importante sede universitaria, ove furono ospiti Giordano Bruno, Tommaso Campanella e S. Tommaso d’Aquino. C’è palazzo Casacalenda che, vicino alla chiesetta paleocristiana S. Maria della Rotonda, ha subito importanti interventi architettonici ad opera anche del Vanvitelli. C’è il palazzo Saluzzo-Corigliano, ove sono stati ritrovati importanti resti archeologici, oggi diventato sede dell’Università Orientale. E c’è palazzo De Sangro che fu residenza del principe di Sansevero e prima ancora fu teatro di uno dei più atroci delitti d’onore della storia.

LA STORIA – Qui abitavano Carlo Gesualdo, principe di Venosa, e la sua consorte Maria d’Avalos d’Aragona. I due, forse sposi per convenienza, si trascuravano l’un l’altro. Don Carlo Gesualdo, famoso madrigalista e amante della caccia, si dava alle sue occupazioni preferite. Maria d’Avalos, bella ed irrequieta, anelava una vita più intensa ed emozionante. Fu così che Maria accettò la corte del nobile duca d’Adria Fabrizio Carafa e ne divenne l’amante. L’amore andò avanti clandestinamente. Ma ben presto la gente cominciò a mormorare. Poi Don Giulio, uno zio di Carlo che pare fosse stato respinto da Maria, comunicò ufficialmente la tresca a Don Gesualdo.

LA GELOSIA  – Questi, punto nell’orgoglio e nella gelosia, inscenò una partenza per la caccia e di nascosto insieme ai servi aspettò che i due amanti si incontrassero. Era il 17 ottobre 1590. Maria e Fabrizio si scambiavano le loro effusioni in una delle stanze del palazzo. Don Carlo Gesualdo, spalancata la porta, sorprese i due amanti avvinti sul talamo e li fece uccidere dai sicari. Poi in un impeto di rabbia sferrò anche lui gli ultimi colpi col suo pugnale. I corpi straziati dei due amanti furono esposti sul portone di casa per mostrare alla città che l’onta era stata lavata.Da allora durante la notte l’ombra evanescente di Maria con una veste bianca succinta e trasparente sembra vagare tra l’obelisco di S. Domenico Maggiore e il portone di palazzo De Sangro. Ma pare essere in buona compagnia in quanto anche il principe di Sansevero, privo della testa, si aggira per la via

LA POESIA 

Si cammine sempe pe San Biagio dei librai

te puo’ gira’ e t’avuta’… ‘un te stanche maje.

Dopp’ ‘o primmo tratto venenno d’ ‘o Giesù

te truove a S.Domenico e ‘un te ne vaje cchiù.

 

Cca ce truove storia, liggende, architettura…

e te suggestiuone fino a te mettere paura.

Tutt’ attuorno è nu spettacolo d’ antichità

e nun saje a ddò è meglio metterse a guardà’.

 

S’aìza mmiez’ ‘a piazza l’obelisco d’ ‘o santo

ca pare ca guarda e bbenedice a tutte quante.

Si trase nt’ ‘a piazza e guarde ncopp’ ‘a smerza

pe chello ca ce truove te siente ‘a capa perza.

 

Sta palazzo Petrucci, d’ ‘a congiura d’ ‘e Baroni,

ca ce rimettette ‘a capa cu Ferrante d’Aragona.

‘E rimpetto vide ‘a chiesa S.Domenico Maggiore

ca pare nu castiello cchiù c”a casa d”o Signore.

 

A destra ce sta ll’atrio ‘e palazzo Casacalenda

ca po’ raccunta’ storie mmiscate cu ‘e liggende.

Angolo ‘e Miezucannone sta palazzo Corigliano

addiventato Università Orientale chianu chiano.

 

Saglienno ‘o ppoco ‘e strata truove ‘o palazzo

d’ ‘o principe ‘e Sansevero… stregone e pazzzo.

Bello sarrìa cunta’ ‘e storie ‘e ‘sti pprete antiche

cu tutto chello ca è succieso lloco e ‘nt’ ‘e viche.

 

Ma ‘stu posto è famoso soprattutto p’ ‘o misfatto

ca fa pruva’ ancora orrore pe l’atrocità d”o fatto.

Cca stevano Carlo Gesualdo e Maria d’Aragona

spusate cu nozze cumbinate ‘a n’ äta perzona.

 

‘O marito pensava a ffa’ musica e gghì’ a caccia

e Maria nun rifiutava ‘e Fabrizio ‘e bbraccia.

‘O fatto jette bbuono nnante clandestinamente

fin’ a quanno cumminciaje a murmuria’ ‘a ggente.

Po’ a Gesualdo purtaje spia Giulio ‘o parente

e ‘o marito addeventaje curnuto ufficialmente.

L’onore era compromesso e s’haëva vendica’.

Allora Gesualdo facette venì’ fora tutt’ ‘a verità.

 

Facette finta ‘e parti’ pe gghì’ a caccia na serata

e rummanette cu ‘e servi ‘e guardia nt’’a nuttata.

Aspettaje nu poco ca se ncuntravano gli amanti

je ‘e ffacette accidere ‘ncucciannole nflagrante.

 

‘O sanghe ‘e chisti dduje schizzaje tutt’ attuorno

e lassajeno ‘e cuorp’ ‘a vista pe lava’ ‘o scuorno.

Chistu fatto fuje considerato nu delitto d’onore

ca Napule ricorda ancora cu strazio e cu dulore.

 

E ancòra ogge passanno nnant’ a ‘stu palazzo

par’ ‘e vede’ ‘a vesta janca ‘e Maria ca svulazza.

E ‘o fantasma ‘e Maria sta in buona cumpagnia

pecchè pare s’aggira pure ‘o principe p’ ‘a via.

 

 

 

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.