Lanciano pietre da Palazzo Fuga, rubano soldi e pc da una palestra: in manette baby gang

515 0

NAPOLI – Cinque minorenni ed un diciottenne sono stati arrestati dagli agenti della Questura di Napoli in Piazza Carlo III, all’interno di Palazzo Fuga, perchè responsabili, in concorso tra loro, di tentato furto aggravato, nonché denunciati in stato di libertà per attentato alla sicurezza dei trasporti e lancio pericoloso di cose. Sono arrivate alla centrale operativa della Questura diverse segnalazioni di giovani che lanciavano pietre dal tetto dello storico edificio di Piazza Carlo III all’indirizzo dei bus, delle auto in transito e delle persone in attesa allo stazionamento degli autobus.

LA BABY GANG – Alcune volanti della polizia sono accorse sul posto e con l’ausilio di un’autoscala dei Vigili del Fuoco, i poliziotti sono saliti fino a 35 metri di altezza allo scopo di fermare i vandali che avevano praticamente bloccato la circolazione in tutta la piazza e nelle strade limitrofe. Nel frattempo – mentre i poliziotti bloccavano ogni via di fuga intorno all’edificio –, i giovani sono scesi dal tetto – non prima di aver lanciato sassi anche all’indirizzo della Caserma “Raniero” – e si sono rifugiati all’interno di una palestra nel “Albergo dei Poveri” dove sono stati raggiunti dagli agenti.

LA FUGA E L’ARRESTO – Qui, i sei ragazzi, dopo aver infranto un vetro degli uffici della segreteria, vi si erano introdotti e stavano rubando due computer portatili che stavano mettendo all’interno di due borsoni; mentre in un altro borsone vi erano circa 12.000 euro che avevano asportato da una piccola cassaforte, nonché 3.000 euro in monete e tutti i trofei presenti nella bacheca. Nonostante un tentativo di fuga, favorito anche dalla scarsa illuminazione, i sei ragazzi sono stati bloccati ed arrestati per il tentativo di furto all’interno della palestra, dove i giovani erano entrati sfondando una porta antipanico. Il 18enne è stato tradotto presso le camere di attesa della Questura e questa mattina, all’esito del giudizio direttissimo, ha patteggiato la pena di sei mesi di reclusione e 300 euro di multa, con la sospensione condizionale; mentre i cinque minori – di età compresa tra 15 e 17 anni e tutti della zona – sono stati accompagnati presso il Centro di Prima Accoglienza dei Colli Aminei, presso il Tribunale per i minorenni.

©riproduzione riservata

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.