IL FILM/ I Quartieri Spagnoli raccontati da Di Vaio, il baroncino di Gomorra – GUARDA IL VIDEO

924 0

[vivotv]NRCw-rDZ2vg[/vivotv]

di Violetta Luongo
NAPOLI –
Vite costellate dai rumori dei colpi di pistola che risuonano tra i loro ricordi, tra povertà e criminalità. Sono le vite di Carmine, Giovanni e Mariano, ragazzi cresciuti nel difficile contesto sociale dei Quartieri Spagnoli. Protagonisti di “Largo Baracche”, documentario diretto da Gaetano Di Vaio e prodotto da Minerva Film, Figli del Bronx, Eskimo e Rai Cinema. E’ il personale ed artistico viaggio nel cuore dei quartieri di Napoli di Gaetano Di Vaio, il “baroncino” di “Gomorra La Serie”.

UN MONDO A PARTE – Un reticolo di vicoli, piazze, chiese barocche, ‘bassi’ prospicienti su Via Roma, il salotto della città. Eppure sono culturalmente lontani dal centro cittadino. Un universo chiuso nel quale i giovani conducono la propria esistenza alla continua ricerca di qualcosa che possa trasformare le loro vite. Vite che sembrano costellate dai rumori dei colpi di pistola che rimbombano nei loro ricordi e nelle memorie dei loro cari. fatto di povertà e criminalità.

festival di roma
Gaetano Di Vaio al festival di Roma con Nino e Toni D’Angelo e Carmine Paternoster

VINCITORE A ROMA – Il docu-film è stato vincitore del miglior documentario al Festival del Cinema di Roma e Oggi (mercoledì 4 marzo) al cinema La Perla di Napoli (via Nuova Agnano 35 ) alle ore 18 sarà proiettato in anteprima napoletana il film-documentario “Largo Baracche”. Il film è proiettato per l’associazione culturale “La pagina che non c’era”, che riunisce docenti e studenti delle scuole medie e superiori intorno a progetti culturali nel sociale.

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.