Giuffrè, Moscato, Celestini, un ricco programma per la prossima stagione del Teatro Nuovo

502 0

NAPOLI – Una stagione all’insegna della qualità e del grande spettacolo, con tredici proposte sceniche in programma che, dal prossimo ottobre fino ad aprile 2015, percorreranno il solco dell’espressione artistica che ha sempre connotato il Teatro Pubblico Campano, offrendo un’ampia offerta programmatica e contemporaneità dei linguaggi, sempre in forte relazione con il territorio e attenzione al pubblico. «Il programma della prossima stagione – sottolinea il direttore artistico Alfredo Balsamo – si inserisce nel segno della continuità e, al tempo stesso, delinea con pragmatismo l’ambizione di offrire, sempre più, un progetto di qualità, prestando grande attenzione alle indicazioni del pubblico, nel pieno rispetto del passato che ha reso importante la sala di via Montecalvario».

TREDICI SPETTACOLI IN SCENA – La programmazione vedrà alternarsi in scena artisti già fortemente riconosciuti da pubblico e critica, quali Enzo Moscato, Isa Danieli, Iaia Forte, Carlo Giuffre’, Enrico Ianniello e Tony Laudadio, Arturo Cirillo, Roberto Herlitzka, Ambra Angiolini, Ascanio Celestini, Alessandro Baricco. Sul palcoscenico del Teatro Nuovo saranno proposti testi di autori che vanno da Franz Kafka a  Gabriele Vacis a Tennessee Williams a Ruggero Cappuccio, da Stefano Benni a Paolo Sorrentino.

ECCO IL CALENDARIO – A inaugurare la stagione teatrale, giovedì 23 ottobre (in scena fino al 26), sarà lo spettacolo Ta Kai Ta’ di Enzo Moscato, con Isa Danieli e Enzo Moscato.  Questo allestimento è un omaggio originale, creativo, non conformista che il drammaturgo partenopeo dedica alla figura di Luisa (‘Luisella’) De Filippo, secondogenita di Eduardo, morta bambina nell’ultimo scorcio degli anni ’50.

Dal 30 ottobre al 9 novembre, Enzo Moscato porta in scena Istruzioni per minuta servitù con Salvatore Cantalupo, Cristina Donadio, Lalla Esposito, Enzo Moscato, Giuseppe Affinito, Salvatore Chiantone, Caterina Di Matteo, Gino Grossi, Carlo Guitto, Amelia Longobardi, Francesco Moscato, Giancarlo Moscato, Giuseppe Moscato. Composto integralmente di frammenti liberi, in anarchica dissimmetria o in ironica rispondenza ritmica tra di loro (in parte attingendoli, o rivedendoli, da precedenti lavori dell’autore, in parte creandoli ex novo per l’occasione), la pièce tende verso una s-composizione a raggiera  delle sue componenti.

La programmazione in abbonamento a dieci spettacoli prenderà il via, mercoledì 19 novembre, con Iaia Forte, regista e interprete di Hanno tutti ragione di Paolo Sorrentino. Nell’adattamento dall’omonimo romanzo, Iaia Forte è Tony Pagoda, cantante napoletano all’apice della carriera nella New York degli anni ’50, mentre aspetta di tenere il concerto più importante della sua carriera: si esibirà al Radio City Music Hall davanti a Frank Sinatra.

Da venerdì 12 dicembre sarà in scena un nuovo allestimento di Luparella scritto e diretto da Enzo Moscato, con Isa Danieli e Enzo Moscato. Ad oltre quindici anni dal debutto, lo spettacolo torna in scena, affiancando alla straordinaria Isa Danieli, lo stesso autore, per una messa in scena ancora più ricca di fascino e magia.

La programmazione del nuovo anno avrà inizio, venerdì 2 gennaio 2015, con Enrico Ianniello e Tony Laudadio in Un anno dopo, scritto e diretto da Tony Laudadio. Atto unico per due attori, la messa in scena racconta trent’anni di due vite. Due colleghi, due amici, o semplicemente due persone costrette dagli eventi a condividere per tanto tempo lo stesso luogo fisico.

Il regista Maurizio Scaparro porterà in scena, da mercoledì 14 gennaio 2015, Amerika di Franz Kafka, con Ugo Maria Morosi, Giovanna Anzaldo, Carla Ferraro, e con Giovanni Serratore, Fulvio Barigelli, Matteo Mauriello. Al ritmo della musica jazz di Scott Joplin, lo spettacolo ripercorre la storia dell’emigrante Rossmann, del suo viaggio, della sua vita errante in cerca di un benessere (il sogno americano?), che sembra sempre a portata di mano ma che rimane inafferrabile.

Da mercoledì 28 gennaio 2015, Carlo Giuffrè sarà protagonista di La lista di Schindler di e diretto da Francesco Giuffrè, con Marta Nuti, Pietro Faiella, Valerio Amoruso e Riccardo Francia. Oskar Schindler è stato semplicemente un uomo, che ha vissuto e agito in uno dei periodi più assurdi e folli della storia dell’uomo. Il periodo della dittatura e dell’ideologia nazista. Uno dei grandi maestri del teatro italiano, darà voce e volto alla sua storia, che ripercorre e ricostruisce quegli anni.

La regia poetica e sensibile di Arturo Cirillo si misura con un classico del novecento, Lo zoo di vetro di Tennessee Williams, da mercoledì 4 febbraio 2015, con Milvia Marigliano, Monica Piseddu, Arturo Cirillo, Edoardo Ribatto. E’ “un dramma di memoria”, secondo la definizione dello stesso Tennessee Williams, cioè è un testo dalla doppia natura: realistico nella descrizione dei rapporti tra i personaggi, ma totalmente onirico rispetto al tempo della vicenda e al tempo della sua rappresentazione.

Da mercoledì 25 febbraio 2015, sarà in scena La parola padre scritto e diretto da Gabriele Vacis, con Irina Andreeva, Alessandra Crocco, Aleksandra Gronowska, Anna Chiara Ingrosso, Maria Rosaria Ponzetta, Simona Spirovska. Sei giovani donne s’incontrano in uno dei tanti crocevia del presente. Quei non luoghi che frequentiamo senza vedere. Tre sono italiane, una è polacca, una è bulgara, una è macedone. Tutte hanno conti in sospeso con la loro patria, tutte hanno conti in sospeso con i loro padri.

Ritorna al Teatro Nuovo, da mercoledì 8 marzo 2015, Roberto Herlitzka in Casanova di Ruggero Cappuccio, con Marina Sorrenti, Rossella Pugliese, Franca Abategiovanni, Carmen Barbieri, Giulia Odori, per la regia di Nadia Baldi. La scrittura di Ruggero Cappuccio dà vita ad una velenosa, dolce, sincera partita a scacchi, in cui brillano e si muovono i perni dell’identità di uno degli uomini più discussi, amati e denigrati del XVIII secolo.

Ambra Angiolini sarà interprete, da mercoledì 18 marzo 2015, de La misteriosa scomparsa di W. di Stefano Benni, per la regia di Giorgio Gallione. Una donna qualsiasi, di nome V, nata in modo funambolico, ripercorre, follemente, comicamente, la sua vita, alla ricerca del suo pezzo mancante W.

A chiudere la programmazione in abbonamento sarà Ascanio Celestini, che porterà in scena, da mercoledì 15 aprile 2015, il suo nuovo spettacolo Discorsi alla nazione. L’artista romano ha immaginato alcuni aspiranti tiranni che provano ad affascinare il popolo per strappargli il consenso e la legittimazione. Appaiono al balcone e parlano senza nascondere nulla. Parlano come parlerebbero i nostri tiranni democratici se non avessero bisogno di nascondere il dispotismo sotto il costume di scena dello stato democratico.

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.