«Fondi neri per pagare la villa di Gomorra», si difende la Socetà

1101 0

«Ufficialmente dalle casse della Cattleya non sono uscite somme di denaro se non quelle rendicontate. Ma non posso escludere che possano essere stati creati fondi neri, attraverso fatture gonfiate, con i quali siano stati pagati quei camorristi». Giovanni Stabilini, amministratore delegato della casa cinematografica che gira la serie tv Gomorra, testimonia al processo contro i due ex manager della fortunata produzione Sky accusati di favoreggiamento personale. E getta ombre sull’operato di Gianluca Arcopinto, organizzatore generale della prima serie di Gomorra, e del location manager Gennaro Aquino, colui che indicò alla Cattleya la villa kitsch di un vero di boss di camorra per ambientare «casa Savastano», l’abitazione del capoclan protagonista della fiction. Il vero boss era Francesco Gallo, alias «’o pisiello», per l’Antimafia il gestore del traffico di droga al parco Penniniello di Torre Annunziata. Aveva concesso la sua casa per le riprese di Gomorra in cambio di un canone da 30mila euro da versare in cinque rate da 6mila.

 

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.