Disastro Napoli, si salva solo Mertens: tutto da rifare

406 0

di Simone Porpora 

NAPOLI – Doveva essere il giorno del riscatto, il Napoli doveva prendersi quanto aveva perso le ultime due partite di campionato. Invece Partenope è caduta in mano turca. Gli uomini di Sarri erano partiti con la giusta grinta, la giusta cattiveria negli occhi, la fame. Mertens è una macchinetta, come sempre in questa stagione, parte indemoniato e sfiora il gol dopo pochi minuti. I presupposti per vedere una bella partita ci sono, almeno all’inizio. Poi black out. Improvvisamente qualcosa si spegne. La difesa sembra rivedere il fantasma di Benitez, Maggio non ha più i polmoni di una volta e in fase difensiva ha sempre lasciato l’iniziativa agli avversari, ma oggi la sua lentezza è fatale.

I tifosi azzurri ancora ricordano il Suo gol sbagliato sulla linea contro i Blues di Villas-Boas. Al 12′ si perde Correia, 0-1. Tutto da capo allora, il Napoli non si perde d’animo e sempre con il solito Mertens sfiora il pareggio. Venti minuti di calci d’angolo a favore degli azzurri e tante occasioni sprecate, prima di vedere Callejon buttare una palla rasoterra al centro dell’aria, dove c’è il folletto azzurro che da speranze ad una città intera. Gol di Mertens, 1-1. Dura poco però la gioia dei padroni di casa, dura poco la Lucidità, soprattutto quella di chi sembrava essere un metronomo, e oggi sembra essere un metronomo rotto. Al 38′ Jorginho perde il Nume della ragione, senza guardare passa la palla verso Reina, la passa male, ad approfittarne è Aboubakar, che non aveva ancora segnato in questa stagione, ma 1-2 per i turchi. Napoli spento e in preda al panico. Si va negli spogliatoi.

Il rientro è quello che tutti si aspettano, lampo di Zielinski e rigore per il Napoli procurato da Mertens, sul dischetto va l’uomo del popolo, che forse sente troppo il leso di quella palla, e la calcia male, Fabricio la prende, e il Napoli entra nel panico. Inizia a non giocare più il Napoli, Sarri decide di buttare nella mischia Gabbiadini, dargli un altra possibilità, la punta azzurra si impegna e corre. Al ’69 Mertens si prende un altro rigore e proprio Gabbiadini dal dischetto sfrutta la sua freddezza glaciale: 2-2 e si punta a vincere. Sarri le prova tutte, esordisce Diawara ed entra Allan, sembra la svolta, arriva addirittura il gol del vantaggio di Gabbiadini: annullato per fuorigioco. Allora la partita si spegne lentamente, quando un lampo all’87 gela il San Paolo. Punizione da 25 metri di Quaresma, Reina immobile tra i pali, e Aboubakar la insacca. Doccia gelata per il
Napoli e i suoi tifosi. Finisce 2-3 in favore dei Turchi.

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.