Alla scoperta dei tesori, al via le Giornate FAI con visite guidate nei luoghi storici della Campania

1027 0

a-vr-dc-d-0072
Villa Rosebery a Napoli

NAPOLI – Luoghi e tesori chiusi, per lo più, nei restanti 363 giorni all’anno ma aperti e svelati in due giorni. Il 22 e il 23 marzo ritornano le Giornate FAI di Primavera,  giorni dedicati alla scoperta di ben 750 luoghi in tutta Italia , palazzi, chiese, castelli e parchi  spesso chiusi al pubblico. Le visite sono a contributo libero e sono tutte a cura di volontari Fai. Giunte alla 22esima edizione, le Giornate sono una vera e propria “sbornia” di arte, cultura e archeologia.  Dalla sua prima edizione a oggi ha coinvolto oltre 7milioni di cittadini: anche quest’anno Napoli e in tutta la Campania ci saranno tantissimi luoghi in cui sono previste aperture e visite straordinarie (scopri i luoghi aperti in tutta la regione).

STUDENTI FARANNO DA CICERONI – Le visite guidate sono a cura degli allievi di varie scuole medie e licei cittadini (alcune anche in inglese e francese). Inoltre, in due casi, per Villa Lucia e per Villa Rosebery l’ingresso sarà riservato in via esclusiva per gli iscritti al FAI ma villa Rosebery sarà visitabile da tutti solo domenica 23 marzo. Maggiori informazioni FAI 02 87119115/ 081 7613732.

ECCO I LUOGHI DA VISITARE A NAPOLI:

Appartamento Storico Di Palazzo Ischitella
Via Riviera di Chiaia, 270, Napoli
 Orari: Sabato: ore 9.00 – 13.00/Domenica: ore 9.00 – 13.00
Tra i primi palazzi ad essere edificato alla Riviera di Chiaja il Palazzo Ischitella fu costruito nel 1647 per volere del Reggente di Cancelleria l’aragonese Matteo Casanatte. Danneggiato durante la rivolta di Masaniello, fu abbandonato dal proprietario che scappò in Spagna e gli eredi cedettero poi l’edificio alla famiglia Pinto y Mendoza, Principi di Ischitella, di origini portoghesi. Bene fruibile a persone con disabilità fisica

Archivio di Stato
Piazzetta Grande Archivio, 5, Napoli
Orario: Sabato: ore 9.30 – 15.00/Domenica: ore 9.30 – 15.00 Ultimo ingresso ore 14.30
L’Archivio di Stato fu creato nello splendido monastero dei SS. Severino e Sossio nel periodo napoleonico, il 22 dicembre 1808, per concentrare in un sol luogo gli antichi archivi del regno (“Archivio Generale del Regno”). Nell’archivio c’è la Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica , un laboratorio di restauro e un altro dedicato alla fotoriproduzione dei documenti.

Chiesa dei Ss. Apostoli
 Largo dei Santi Apostoli, Napoli
Orario: Sabato: ore 9.30 -16.30/Domenica: ore 9.30 -16.30
La Chiesa dei SS. Apostoli è tra le maggiori testimonianze del Barocco napoletano e si trova nel centro storico, nell’omonima piazzetta. La sua fondazione risale probabilmente al V secolo ad opera del vescovo napoletano Sotero, che l’avrebbe costruita sulle rovine di un tempio dedicato a Marte o a Mercurio.

Complesso monumentale di Carminiello ai Mannesi
Fondaco del Gelso ai Mannesi (adiacenze Duomo), Napoli
Orario:Sabato: ore 9.00 – 13.00/Domenica: ore 9.00 – 13.00
Il complesso monumentale di Carminiello ai Mannesi fu ritrovato circa 70 anni fa, nel 1943 durante i bombardamenti e sotto alle macerie della chiesa di Santa Maria del Carmine ai Mannesi. Gli scavi degli anni 1983-1984 coprono un’area di circa 700 metri quadrati ma la gran parte del monumento è ancora conservata sotto gli attuali fabbricati.

Complesso di Santa Caterina da Siena e Archivio della Solitaria
Via Santa Caterina da Siena, 38, Napoli
Orario:Sabato: ore 9.30 – 14.00/Domenica: ore 9.30 – 14.00
Il monastero di Santa Caterina da Siena a Napoli con il giardino e la clausura nuova, oggi è inglobato nelle case confinanti ad edilizia popolare del 1939. Attualmente è sede della Facoltà di Lettere dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa e probabilmente le sue prime strutture  risalgono al 1613.

Palazzo Marigliano
 Via San Biagio dei Librai, 39, Napoli
Orario:Sabato: ore 9.30 – 16.30/Domenica: ore 9.30 – 16.30
Il Palazzo Marigliano fu costruito intorno al 1513, per volontà di Bartolomeo di Capua, conte di Altavilla e poi nella seconda metà dell’Ottocento, il Palazzo de Capua venne acquistato dal gran giudice della corte civile, Francesco Saverio Marigliano del Monte che mise sul portale d’accesso, lo stemma con le armi attualmente esistente.

Stazione Zoologica Anton Dohrn
Villa Comunale di Napoli
Orario:Sabato: ore 9.30 – 16.30/Domenica: ore 9.30 – 16.30
La stazione zoologica fu fondata con l’intento di promuovere la ricerca di base nel 1872 dal naturalista e zoologo tedesco Anton Dohrn ed è senza dubbio una delle più autorevoli istituzioni scientifiche realizzate in periodo postunitario. Bene fruibile a persone con disabilità fisica

Villa Lucia
Vicoletto Cimarosa, 9, Napoli, – Ingresso esclusivo per gli iscritti al FAI
Orario:Sabato: ore 9.30 – 16.30/Domenica: ore 9.30 – 16.30
In precedenza era già una elegante coffee-house a forma di tempio e fu acquisita da Ferdinando I nel 1816 per ampliare il fondo della villa Floridiana donata dal Re a Lucia Migliaccio, duchessa di Floridia, sua favorita. E’ tra le più belle ville storiche di Napoli. Bene fruibile a persone con disabilità fisica

Villa Rosebery
Via Ferdinando Russo, Napoli –  Sabato ingresso esclusivo per gli iscritti al FAI
Orario:Sabato: ore 10.00 – 16.00 solo iscritti FAI/ Domenica: ore 10.00 – 16.00
Tra le più belle ville neoclassiche a Napoli, è situata sul mare a Posillipo ed è oggi la residenza napoletana del Presidente della Repubblica Italiana. Bene fruibile a persone con disabilità fisica.

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.

Note: Your password will be generated automatically and sent to your email address.

Forgot Your Password?

Enter your email address and we'll send you a link you can use to pick a new password.