Inter-Napoli, sconfitta amara, espulsi Koulibaly e Insigne: decide Mazzoleni

30 0

DI SANDRO TACINELLI

MILANO – La partita è racchiusa in poco meno di centoventi secondi, quando Zielinski batte a colpo sicuro e Asamoah salva sulla linea e, sull’altro fronte, Lautaro Martinez, dopo cross di Keità e velo di Vecino, insacca la palla della vittoria.

Perde il Napoli e anche male. Non è solo un problema di risultato. No, nel finale la squadra deve imparare a tenere i nervi saldi. Sempre. Certo, a volte è difficile. Soprattutto in presenza di alcune scelte arbitrali che… lasciano il segno; ma niente giustifica l’atteggiamento di alcuni azzurri. Ancelotti lascia fuori Mertens e schiera Milik; mentre, sulla destra al posto di Hysaj propone Callejon in versione… arretrata.
Al primo secondo, la sfera di avvio di gioco Icardi la spara in porta: Meret è attento. Milik prova a servire Mario Rui: palla che finisce alta. Fa la stessa cosa, sull’altro fronte, Politano che, dopo bella azione, prova al volo senza trovare la porta. Non c’è un gran ritmo, ma le squadre si affrontano senza risparmio. Ancora Milik: ottimo controllo, non così la conclusione; poi, dal suo piede per Insigne: Handanovic para a terra. Si infortuna Hamsik ed entra Maksimovic. C’è un’azione prolungata dei padroni di casa: tiro di Joao Mario: deviazione, poi Perisic ma è in fuorigioco. Ancora Inter: Politano per Joao Mario di testa: Meret para a terra. Tocca a Milik che tenta il colpo di testa su passaggio di Callejon: non c’è mira. Il tempo si chiude su un’opportunità dell’Inter che trova prima Meret e Albiol e poi Koulibaly per il salvataggio sulla linea.

In avvio di secondo tempo, dopo un lancio di Icardi per Brosovic che mette fuori, c’è più Napoli. Il fraseggio però non sempre è lineare, Insigne non prende per mano la squadra e anche Allan (udite, udite) perde qualche pallone di troppo. C’è una punizione del Magnifico: testa di Koulibaly con il portiere nerazzurro pronto alla parata. Esce Borja Valerio sostituito da Vecino. Si fa vedere Callejon: bel tiro: Handanovic dice di no. Bella incursione di Politano, per fortuna Albiol è attento; così Koulibaly su Icardi. Mertens prende il posto di Milik. Non perde tempo il nazionale belga: scambio con Fabian Ruiz e tiro: alto. Keità subentra a Perisic. Ancora Fabian Ruiz a Insigne: tiro: non va. Mancano dieci minuti allo scadere del tempo regolamentare: c’è un contrasto fra Koulibaly e Politano: fischia Mazzoleni e l’azzurro applaude: espulso. Si scaldano gli animi. Joao Mario cede il posto da Lautario Martinez. Bella iniziativa dei padroni di casa: Icardi di testa: Meret si fa trovare pronto. Non sta a guardare il Napoli, prima Insigne e poi Zielinski gettano al vento una facile occasione. Poi, la rete di Lautario Martinez e, alla fine, anche l’espulsione di Insigne (solo lui?) dopo qualche scambio di… complimenti con Keità.
C’è rammarico, superfluo sottolinearlo. L’Inter dimostra limiti già conosciuti, ma i partenopei non sono in grande serata. La giornata poteva e doveva essere favorevole. Sabato al San Paolo arriva il Bologna.
Mancano solo settantadue ore per recuperare energie e morale.
#Anima

Commenti

commenti

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.