LUVO BARATTOLI ARZANO SPAVENTA MESSINA E GLI STRAPPA UN SET

89 0

Prestazione superlativa per le ragazze di casa sempre più protagoniste del campionato

LUVO BARATTOLI ARZANO 1
SICOM MESSINA 3
(24-26; 26-24; 26-28; 17-25)
Luvo Barattoli Arzano: De Siano, Passante, Aquino, Suero, Michelini, Palmese, Mautone, Rinaldi, Fusco, Dello Iacono, Putignano, Silvestro. All.Piscopo
Sicom Messina: Varaldo, Fabbo, Composto, Martilotti, Anselmo, Muzi, Quarto, Iannone, Liguori, Garofalo, Cardoni. All. Gagliardi
Arbitri: Francesco Mastrogiovanni (Lt) e Lorenzo De Luca (Gaeta)
Note: Durata set: 27′; 32′; 35′; 20′.

ARZANO – Prestazione da incorniciare per la Luvo Barattoli Arzano. La squadra di coach Antonio Piscopo affronta a viso aperto la Sicom Messina, prima della classe disputando una gara tutta grinta e cuore. Tre dei quattro set che hanno sancito la vittoria ospite sono stati decisi all’ultima palla, sul terzo hanno pesato invece le decisioni di un arbitraggio inadeguato per una sfida di questo livello. Quello che conta è che la la Luvo Barattoli lascia il parquet con la certezza di potersi misurare con tutte le rivali, confermando quella che nelle prime giornate di campionato era stata solo una sensazione.

L’aria di big match si respira fin dai primi colpi. Applausi fin dalla seconda palla, le due squadre fanno di tutto per non farla cadere sul proprio campo, dando vita a quello che resterà sicuramente come uno degli scambi più lunghi del campionato. Il primo set è tutta una serie di botta e risposta. La prima serie lunga (8-5) è di Arzano alla quale fa seguito quella delle siciliane (8-8).

Si prosegue sul filo dell’equilibrio fino alla fine. Dal 19-22 parte l’assalto alla vittoria del primo set.
Varaldo cede il posto a Iannone sul 19-23 un punto dopo è la volta di Mautone entrare su Suero per servire. Quattro palle set non bastano al Messina: 20-24. De Siano annulla la prima, subito dopo tocca a Passante avvicinare ancora di più Arzano (22-24). Si spaventa coach Gagliardi che ferma tutto. Doppio errore di Liguori che spara fuori per due volte di seguito 24-24. Una difesa difettosa ed uno splendido aces di Quarto chiudono i giochi sul 24-26.

La partita prosegue sui binari nei quali si è incanalata. Anche il parziale successivo offre una girandola di emozioni. L’equilibrio si rompe sul 12-16 ed Arzano è costretta a rimboccarsi le maniche durante il tie-break e tentare la rimonta. Le squadre non si risparmiano Muzi e Martilotti vogliono chiudere la pratica velocemente ma non hanno fatto i conti con l’altra parte della rete. Con Aquino, Palmese e compagne che restano in scia.

Crede di avercela fatta Messina sul 22-24 ma invece la Luvo Barattoli non si arrende e recupera ancora una volta. Questa volta però senza sprecare più. Jazmin Suero realizza l’aces che vale il set point poi De Siano infiamma il palazzetto 26-24.

Caldissimo ed equilibrato anche il terzo set: 26-28. Non mancano palle e falli da interpretare così come le contestazioni. Peccato che in questo parziale gli arbitri decidano di fischiare penalizzazioni solo da un lato: quello arzanese. Sarà questo punto omaggio, sommato alla papera finale delle padrone di casa, l’episodio che consente alle ospiti di portarsi sull’1-2.

Nel quarto set cresce il nervosismo dal lato di Messina, soprattutto in panchina. Rosso per le riserve con tanto di penalizzazione mentre coach Gagliardi discute animatamente con il libero Pisano. La Luvo Barattoli Arzano tira il fiato e sul 12-18 e lascia andare via le avversarie terminando la benzina prima del previsto. Finisce 17-25.

Commenti

commenti