Il Centro Ester riapre i cancelli agli sport di squadra: via a basket e pallavolo

269 0

Grande attesa al Centro Ester per la ripresa di tutte le attività della polisportiva di Barra. A quelle già annunciate in precedenza dal presidente Pasquale Corvino se ne aggiungono altre due, veri fiori all’occhiello della polisportiva rossoblù.

Ritornano infatti pallavolo e pallacanestro. A dare la lieta novella ci pensano i volti più amati dai praticanti delle due discipline l’allenatrice Consiglia Crescente e coach Agostino Romano.

Da sempre quando si pensa in maniera vincente alla pallavolo napoletana si declina il nome del Centro Ester. A Barra sono pronti per questo nuovo inizio: “Si riparte –spiega Consiglia Crescente- in questi giorni abbiamo messo a punto tutto quello che può servire per una pratica sportiva senza rischio. Ripartiremo con gruppetti di ragazzine e ragazzini per condurre in porto quest’annata difficile. All’ingresso la società ha preovveduto ad istallare un gazebo informativo che provvederà anche a rilevare la temperatura di chi accede. Gli allenatori saranno tutti sottoposti a test sierologici al fine di garantire il massimo della sicurezza agli atleti e ai loro genitori. Sarà nostra cura di organizzare i corsi evitando ogni possibile assembramento”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il responsabile del settore pallacanestro: “Il giorno 3 giugno ripartono gli allenamenti di basket e mini basket al Centro Ester” racconta Agostino Romano.

“Prevedo una partecipazione numerosa. I ragazzi  sono entusiasti di ritornare in campo con i propri compagni. La ripresa sarà a rilento con la massima sicurezza e nel rispetto dei protocolli ministeriali e le linee guida della federazione. Saranno allenamenti con Massimo 8/10 ragazzi facendo un lavoro tecnico individuale per il miglioramento dei fondamentali.  Con la speranza che tutto proceda bene e che il 15 giugno si possa lavorare anche di contatto e di squadra.  Inoltre il nostro settore sta già programmando il prossimo anno sportivo, con alcune novità per la crescita tecnica dei nostri atleti” conclude Romano.

Commenti

commenti