DL RILANCIO, ALL’ITALIA MANCA L’ITALIA, QUELLA VERA

354 0

“Ci saremmo aspettati coraggio e lungimiranza da un esecutivo nazionale che non riesce a distinguere la misura di Stato dall’elemosina” Questo il commento a caldo da parte dei vertici di OroItaly, l’associazione degli orafi napoletani, all’indomani delle indiscrezioni sul nuovo Decreto Rilancio del governo. Una misura resa necessaria dalla difficilissima situazione socio economica scaturita dalla pandemia da Coronavirus che ha messo in ginocchio le attività produttive tricolori, e sta azzerando il made in Italy. “Nonostante la situazione sia grave e complicata – spiega il Segretario Generale di OroItaly Gianni Lepre, le misure messe in campo dal governo Conte bis con il nuovo DL ‘Rilancio’ appaiono non solo inconsistenti in senso matematico, ma addirittura farlocche al cospetto di una situazione che a tutt’oggi gli analisti considerano da economia di guerra”. Il prof. Lepre, che tra le altre cose è opinionista economico del Tg2, ha poi continuato: “Importi e percentuali del cosiddetto ‘fondo perduto’ sono una essenziale presa in giro nei confronti di imprenditori che, con quel misero contributo, non riuscirebbero nemmeno a sanificare i locali della propria azienda”. Lepre ha poi concluso: “Con questa ennesima misura abbiamo avuto la riprova del fatto che all’ Italia manca l’Italia, quella vera, fatta di santi ed eroi, quella con il coraggio di affrontare emergenze simili, e quindi giocarsi il tutto per tutto per riscattare l’economia che, non dimentichiamolo mai, è il plasma dell’intero stivale”. Al segretario generale fa eco il presidente di OroItaly Salvio Pace: “Detto molto francamente in questa misura io ho letto il ‘si salvi chi può’, il grido del capitano di una nave mentre la nave affonda. E’ ovvio che, diversamente dagli altri Paesi europei, chi ci governa non ha ben capito cosa significa per il Bel Paese tenere abbassate le serrande dei negozi. Più che il coraggio ciò che manca è la visione strategica di una politica concepita per servire e non per essere servita”.

Commenti

commenti