Luvo Barattoli Arzano, presentazione fra adrenalina  ed amarcord

318 0

Sabato prossimo incomincia il campionato nazionale di serie B1 femminile

 

Adesso è davvero tutto al posto giusto. Con lo splendido vernissage d’inizio anno inizia in maniera ufficiale la stagione della Luvo Barattoli Arzano. La cornice è stata di quella che si ricorderanno per molto tempo. Adrenalina per quello che sarà, soddisfazione per i risultati raggiunti proiettati sul grande schermo. Pelle d’oca ed emozione per nei ricordi dei bei giorni delle promozioni e l’amarcord verso chi non c’è più, come Geppino De Mare,  che ha dato tanto alla pallavolo di Arzano.

Un punto di riferimento per tutto il movimento della pallavolo della regione Campania. Una maglietta che resta fra le più ambite ed un settore giovanile che fa sentire protagoniste tutte le ragazze che scelgono la città del Marchio di Qualità Oro per imparare a giocare a pallavolo.

La giusta attenzione alla prima squadra che reduce dal secondo posto dell’anno scorso, è chiamata a regalare nuove emozioni cercando sempre di arrivare il più in alto possibile con la nuova guida Nando Giacobelli.

La giornata si è aperta con i festeggiamenti dei 35 anni di attività. Con il primo presidente Franco Vitagliano che ha raccontato la pallavolo degli esordi. Il presidente Enzo Russiello che ha regalato i brividi dei giorni della serie A e Raffaele Piscopo che continua a scalare le classifiche nazionali: adesso c’è da migliorare il nono posto dell’anno scorso.

I saluti federali sono stati portati dal presidente Umberto Capolongo arrivato in compagnia di Carmine Menna e Gino Saetta. Quest’ultimo anche nelle vesti di dirigente della Partenope. La società dei Cavalli di Bronzo è fra quelle che hanno contribuito alla crescita del settore sviluppando un “patto fra gentiluomini” che dura da dieci anni.

Un ringraziamento particolare agli sponsor con in testa Luvo Barattoli di Luciano Volpicella che ancora una volta sono vicini al movimento vollistico cittadino. C’è stato spazio per premiare anche Francesca Buonfino, come “Atleta dell’anno”. Quella che sa coniugare al meglio il rendimento scolastico, il rapporto con le compagne di squadra ed ovviamente l’impegno in campo come aspirante giocatrice di buon livello.

Non è mancata la simpatia. A dare l’ “in bocca al lupo” a tutte le ragazze ci ha pensato l’autore Lello Marangio. Arzanese tanto celebre quanto doc. La sua carica di irresistibile ironia e positività è stato il modo più bello per sigillare una mattinata fra cose fatte e buoni propositi.

L’appuntamento è per sabato 19 ottobre alle ore 16.30 per l’esordio casalingo contro Santa Teresa di Riva.

Commenti

commenti