Napoli-Salisburgo, un tris che fa ben sperare

38 0

di Sandro Tacinelli
CALCIO – Gli azzurri, ispirati ma non sempre precisi, fanno un solo boccone degli austriaci che si confermano squadra solida, veloce, con belle individualità, anche se non proprio impeccabile nella propria area. Ancelotti lascia fuori Insigne e schiera Milik e Mertens in attacco, Fabian Ruiz e Zielinski (con il fondamentale apporto di Callejon) nella zona nevralgica; mentre, un tantino più indietro l’inesauribile rubapalloni Allan e, in difesa, fa rientrare Mario Rui sulla sinistra.

I partenopei si muovono bene in fase offensiva con buona intesa di Milik e Mertens. Il primo sussulto lo provoca Callejon che, servito da Milik, si fa chiudere da due difensori e non sfrutta l’opportunità. Poi, due azioni degli ospiti: nella prima, Wolf servito in area impegna Meret e, nella seconda, Dabbur va al tiro con il portiere azzurro in presa in due tempi. Risponde il Napoli con Mertens che serve Fabian Ruiz, ma la sua conclusione è deviata in angolo. Tocca allora a Zielinski impostare per Mertens che offre a Milik: finta e palla in rete: 1 – 0. Ancora Napoli. Zielinski a Fabian Ruiz: tiro deviato in angolo: dalla bandierina Mertens: testa di Koulibaly che non trova la porta. Di nuovo il furetto belga: grande cavalcata: tiro: angolo; sugli sviluppi da Callejon a Fabian Ruiz: gran tiro dal limite e Walke è superato: 2 – 0. La reazione del Salisburgo è affidata a Lainer che calcia una palla insidiosa messa in angolo da Koulibaly. Poi, tante trame non sempre limpide e grande pressione a metà campo, sia da una parte sia dall’altra.

Nella seconda frazione di gioco, subito Dabbur il cui tiro impegna il portiere napoletano in una parata con i piedi. Mertens vede Walke troppo avanzato e prova da distanza considerevole: la mira non è delle migliori. Questa volta è Milik (con una magia di testa) a servire il nazionale belga: tiro: Walke mette in angolo. Qualche minuto e gli azzurri passano ancora. Mario Rui mette al centro dalla sinistra: sulla sfera si avventa Onguènè che mette in rete per un… applaudito autogol: 3 – 0. Subito Junuzovic: grande bordata dal limite: Meret devia in angolo. Gulbrandsen prende il posto di Daka, Mwepu quello di Junuzovic e, per i padroni di casa, Diawara quello di Zielinski. Mertens a Callejon: botta al volo: Ramalho si salva in angolo. Entra Insigne per Mertens. E Milik non approfitta di un… regalo di Ramalho che lo serve in area. Entra Minamino ed esce Dabbur. In seguito, dopo un tiro di Hysaj deviato in angolo, due conclusioni di Wolf entrambe fuori. Spazio anche per Ounas che sostituisce Milik. Gulbrandsen si destreggia in area: Meret sbroglia l’intricata situazione. Sull’altro fronte, Ounas aggancia da campione: sombrero: tiro: fuori. Applausi. L’ultima emozione ha per protagonista Meret che devia con bravura il tiro di Gulbrandsen.
Domenica si va a Sassuolo e giovedì prossimo il ritorno contro il Salisburgo; per quest’ultima gara, Ancelotti dovrà varare un nuovo pacchetto arretrato viste le squalifiche di Koulibaly e Maksimovic.
Altro giro, altro esame.
#Epochefa

Commenti

commenti

Redazione

VivoNapoli, la testata giornalistica che ha l’ambizione di diventare un interlocutore importante, capace di lanciare proposte e idee per contribuire allo sviluppo di tutto il territorio napoletano. Ogni giorno costanti aggiornamenti su fatti di cronaca e politica, ma anche approfondimenti e curiosità che riguardano il mondo dello spettacolo e della cultura.