PROTESTA/ I “Seppellitori”: bare e manifesti contro il mancato pagamento dello stipendio

1 0

Bare e manifesti funebri per protestare contro il mancato pagamento dello stipendio. I ‘seppellitori’ del cimitero di Santa Maria del Pianto si sono presentati così dinanzi al Comune di Napoli per chiedere le spettanze arretrate. Gli operatori cimiteriali sono senza stipendio da febbraio, nonostante le rassicurazioni ricevute nel corso di due incontri in Prefettura. In quelle occasioni fu detto loro che entro il 15 giugno sarebbe stato pagato almeno uno stipendio, cosa che non è avvenuta. La ditta per la quale lavorano è la Multiservice, vincitrice della gara ad ottobre, che lamenta un ritardo nelle rimesse economiche da parte del Comune. Un impasse che ha fatto scattare la protesta. I seppellitori di uno dei più grandi cimiteri d’Italia sono arrivati davanti a Palazzo San Giacomo con gli strumenti del mestiere. Sul manifesto si legge: “I seppellitori del cimitero di Poggioreale danno il triste annuncio della scomparsa degli stipendi. Fiduciosi della resurrezione, attendono impazienti”.. I ‘seppellitori’ del cimitero di Santa Maria del Pianto si sono presentati così dinanzi al Comune di Napoli per chiedere le spettanze arretrate. Gli operatori cimiteriali sono senza stipendio da febbraio, nonostante le rassicurazioni ricevute nel corso di due incontri in Prefettura. In quelle occasioni fu detto loro che entro il 15 giugno sarebbe stato pagato almeno uno stipendio, cosa che non è avvenuta. La ditta per la quale lavorano è la Multiservice, vincitrice della gara ad ottobre, che lamenta un ritardo nelle rimesse economiche da parte del Comune. Un impasse che ha fatto scattare la protesta. I seppellitori di uno dei più grandi cimiteri d’Italia sono arrivati davanti a Palazzo San Giacomo con gli strumenti del mestiere. Sul manifesto si legge: “I seppellitori del cimitero di Poggioreale danno il triste annuncio della scomparsa degli stipendi. Fiduciosi della resurrezione, attendono impazienti”.

Commenti

commenti

Related Post

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *