BUD SPENCER, UN CUORE NAPOLETANO NON HA CONFINI

56 0

 di Matilde Donnarumma 
Napoli e Bud Spencer: i Verdi chiedono una strada come per Pino Daniele
Per commemorare il primo anniversario della scomparsa di Bud Spencer, grazie al consigliere comunale Marco Gaudini, i Verdi hanno già ufficializzato la richiesta di intitolazione di una strada di Napoli all’attore, con l’invito ad anticipare i tempi quindi a non attendere i cinque anni che occorrono per legge; per questo si adotterà lo stesso metodo grazie al quale fu intitolata nell’immediato una strada al compianto Pino Daniele. Il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componenete della Commissione Cultura ha concluso aggiungendo: “Bud Spencer ha sempre amato Napoli, portandone la parte migliore in giro per il mondo insieme a Lui“.
La stada dedicata a Bud Spencer sarà presumibilmente nel quartiere di Santa Lucia dove Carlo Pedersoli nacque, a tal proposito Bud Spencer amava ricordare di essere vissuto nello stesso palazzo dello scrittore e filosofo napoletano Luciano De Crescenzo.
Molte le iniziative per ricordare Bud Spencer, una di queste è il video, commissionato dallo speaker radiofonico Gianni Simiolivoce de “La Radiazza”, “Tributo a Bud Spencer” di Juri Di Mauro – JD, artista poliedrico, esperto in Digital Compositing, che in collaborazione con lo staff di PassioNapoli, è riuscito con il suo talento artistico a fondere scene tratte dal film di Bud Spencer “Piedone a Hong Kong ” datate 1975 e restaurate in full Hd, a riportare l’attore Carlo Pedersoli (Bud Spencer) per un attimo nel 2017 in uno dei luoghi a lui più cari: Il lungomare di via Caracciolo.
Nella trama del video si vede Carlo Pedersoli intento a soccorrere un ragazzo. Il tuttogiratocon l’ausilio di alcuni effetti speciali di stampo Hollywoodiano che spesso sono usatinei lavori di Juri Di Mauro. Il video si trova disponibile in reteall’URL: https://www.facebook.com/giannisimioli/videos/1363209773762863/ 

Bud spencer ci lascia suoi eredi senza limiti.

Innumerevoli sono i traguardi di Bud Spencer, pseudonimo di Carlo Pedersoli (Napoli, 31 ottobre 1929 – Roma, 27 giugno 2016), conosciuto dai più come attore di fama mondiale più volte campione italiano di nuoto a stile libero e in staffetta, pallanuotista italiano e nuotatore.

Nel corso della sua carriera da nuotatore, il 19 settembre 1950, fu il primo italiano ad abbattere la soglia del minuto nei 100 m stile libero, detenne il titolo fino alla fine della sua carriera.
Nella sua vita ha anche conseguito diversi brevetti per diventare un pilota di linea e di elicottero. Nel corso degli anni ha anche sostenuto e finanziato enti di beneficenza per bambini tra cui il Fondo Scholarship Spencer.
Come attore in coppia con Terence Hill pseudonimo di Mario Girotti, il 7 maggio 2010, ha ricevuto il David di Donatello alla carriera.

Bud Spencer e il suo orgoglio di essere napoletano
Bud Spencer è sempre stato orgoglioso di essere napoletano. Il suo “Non sono italiano, sono napoletano” durante un’intervista è rimasto impresso nella mente di tanti partenopei. Ma è anche uno sponsor del grande cuore di Napoli che ha fatto uscire dai confini nazionali grazie al suo lavoro. Chi lo ha conosciuto ricorda come qualunque cosa facesse,Bud Spencer l’ha sempre fatta con grande umiltà. A tal proposito, il figlio Giuseppe Pedersoli racconta: “mio padre non ostentava mai il successo”. Sono questi i napoletani veri da cui si dovrebbe prendere esempio, non quelli delle favole da business, ma quelli come tanti che anche nel loro piccolo hanno sempre lottato per mantenere vivi ed inalterati i veri ideali: “quelli dell’anima”, si perchè Napoli è una città che ha un’anima e tocca a noi riscattarla, a noi esserne orgogliosi e difenderla con esempi reali come il nostro grande Bud Spencer.

 

Commenti

commenti

Related Post

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *